Articoli

Avvenire – Sussidio pastorale per la scuola. La Cei: studiare, per cercare un senso nella vita

Il nuovo documento della Commissione CEI per l’educazione cattolica, nel giorno di riapertura delle scuole, incoraggia tutti a “testimoniare, discernere e servire”. Di seguito l’articolo pubblicato da Avvenire a cura di Enrico Lenzi.

Da «una pastorale “della” scuola» a «una pastorale “per” la scuola». Sta tutto in questo cambio di preposizione il senso del nuovo sussidio che lunedì 14 settembre, nel giorno di riapertura ufficiale delle scuole in Italia, viene pubblicato dalla Commissione episcopale per l’educazione cattolica, la scuola e l’università. Si tratta di un documento che in qualche modo si pone al termine del decennio che la Chiesa italiana ha voluto dedicare al tema dell’educazione (gli Orientamenti pastorali 2010/2020 sull’Educare alla vita buona del Vangelo), ma che al tempo stesso intende rivolgere il proprio sguardo al futuro, come sottolinea nella sua presentazione il vescovo Mariano Crociata presidente della stessa Commissione Cei.

Del resto, ribadisce il sussidio – intitolato significativamente «Educare, infinito presente» -, per «la Chiesa la scuola è una realtà da amare in cui stare con passione e competenza, contribuendo alla costruzione del progetto scolastico».

Ma se la presenza e l’attenzione della comunità cristiana al tema della scuola ha radici lontane, quello che deve cambiare secondo il documento della Commissione episcopale, è la modalità di approccio e lo stile di presenza. Un cambio al quale sono chiamati tutti: dai docenti ai genitori, dagli studenti al personale, fino alle realtà educative e alle stesse parrocchie. Insomma «l’attenzione alla scuola deve diventare una responsabilità di tutta la comunità». Proprio per questo, riflettono i vescovi della Commissione, non si può continuare a procedere «a compartimenti stagni», cioè con pastorali che prendano in considerazione solo un unico aspetto senza mettersi a confronto con altre che hanno come destinatari gli stessi ragazzi e giovani.

Il documento della Cei (nella versione integrale) – che si suddivide in tre parti più una quarta che riporta testi, interventi, discorsi sul tema della scuola e dell’educazione – offre una analisi e una osservazione sull’esistente, a cominciare «dalla difficile esperienza vissuta nei primi mesi del 2020 con l’improvvisa e prolungata chiusura delle sedi scolastiche a causa della pandemia». E se il ricordo alla didattica a distanza «ha permesso di limitare le conseguenze sulla crescita e l’apprendimento degli alunni», ha anche «fatto affiorare interrogativi di fondo sul ruolo della scuola nella società, sul valore insostituibile della relazione educativa, sull’apporto integrativo delle tecnologie nella didattica». Secondo il sussidio Cei, infatti, alla base di qualsiasi intervento nella scuola, «non può dimenticare che la relazione educativa è il suo cuore», in un «patto di corresponsabilità che lega in primo luogo insegnanti e alunni, ma si estende anche all’interno del corpo docente, alle famiglie e alle forze vive del territorio in un dialogo che riconosce a ciascuno le proprie responsabilità specifiche e pone tutti in rapporto di rispettosa collaborazione». Proprio la collaborazione è l’approccio auspicato da quel cambio di preposizione – “per” – che il documento propone. Il tutto per «ridare senso alla routine dello studio, perché lo studio serve a porsi domande, a non farsi anestetizzare dalla banalità, a cercare senso nella vita».

Un obiettivo proposto alla scuola e a tutte le sue componenti (a cui il testo riserva singoli spazi), richiamando tutti e ciascuno ai valori della «testimonianza, del discernimento e del servizio». Ovviamente i vescovi italiani indicano questo cammino in primo luogo alle comunità cristiane (parrocchie, associazioni, gruppi professionali e altro), pur ribadendo che nella crescita completa di una persona «non può mancare la dimensione religiosa», che la Chiesa offre con la presenza dell’insegnamento della religione cattolica (Irc) anche nella scuola statale.

Questo coinvolgimento di tutti vuole portare al superamento «della frammentazione all’integrazione dell’azione pastorale», che vuol dire «realizzare un modo di pensare e un agire pastorale davvero unitario e centrato sulla persona. I giovani hanno bisogno di essere aiutati a unificare la vita» e la «pastorale per la scuola può essere un prezioso banco di prova per sviluppare un agire più integrato e aperto a diverse presenze». Anche per questo il sussidio ribadisce l’importanza di un Ufficio nazionale della scuola e quello dell’Irc, il Centro studi della scuola cattolica e il Consiglio nazionale della scuola cattolica. E un capitolo è dedicato proprio alla scuola cattolica e ai corsi di formazione professionale di area cattolica che «hanno un ruolo primario di promozione e di riferimento nella pastorale per la scuola».

Il sussidio Cei offre a tutta la scuola – cattolica e paritaria – anche alcuni esempi progettuali da mettere in campo: da momenti religiosi offerti alla scuola alla Settimana dell’educazione che diverse diocesi realizzano da qualche anno; dal sostegno allo studio all’attenzione vero l’orientamento, per citarne alcuni.

“Intorno al fuoco vivo del Sinodo. Educare ancora alla vita buona del Vangelo”: il nuovo libro di don Rossano Sala

“Pastorale giovanile 2. INTORNO AL FUOCO VIVO DEL SINODO. Educare ancora alla vita buona del Vangelo”: è questo il titolo del nuovo libro di don Rossano Sala, con l’invito alla lettura di Papa Francesco. Al centro del testo, il cammino del Sinodo sui giovani in forma approfondita e scientifica: da oggi è disponibile in tutte le librerie.

Il libro è composto di 32 contributi distinti in cinque significative “costellazioni”:
1) Antropologia, teologia e pastorale;
2) Accompagnamento, annuncio e animazione vocazionale;
3) Giovani, Chiesa e Sinodo;
4) Educazione, scuola e università;
5) Don Bosco, famiglia e oratorio.
Al termine del decennio dedicato dalla CEI a “Educare alla vita buona del Vangelo” (2010-2020) il testo si propone di tenere desto l’impegno educativo e pastorale della Chiesa a favore di tutti i giovani, nessuno escluso.

Qui sotto ne pubblichiamo un estratto composto da:

Invito alla lettura
L’INTELLIGENZA E IL DISCERNIMENTO, IL SINODO E L’EDUCAZIONE
di Papa Francesco

Introduzione
CINQUE COSTELLAZIONI CHE ORIENTANO IL CAMMINO
di Rossano Sala

Rilancio del cammino
VERSO UNA “ECOLOGIA INTEGRALE”
di Giacomo Costa

Indice

 

“Educazione è cosa di cuore”: i Salesiani Cooperatori a confronto con la comunità territoriale

Il Centro Salesiani Cooperatori e l’Unione degli ex-allievi, l’Unita Pastorale di Porto Recanati, con il patrocinio del Comune di Porto Recanati, in occasione della festa di Don Bosco ha presentato alla cittadinanza il ciclo di incontri denominato “Educazione è cosa di cuore” dove verranno affrontati temi inerenti l’educazione,  attraverso l’intervento di relatori che portano la loro esperienza nel campo dell’educazione, attraverso i vari ambiti dove agiscono.

“L’obiettivo è quello di aprirsi a tutta la comunità, a partire da temi legati all’attualità, alle sfide educative di oggi e alle problematiche che interessano da vicino i giovani per fornire strumenti utili a chi ha la responsabilità dell’educazione al giorno d’oggi. Pensiamo in particolare ai genitori e agli insegnanti, e a questo proposito, quest’anno sono sette gli Istituti Comprensivi – di Porto Recanati, Recanati, Loreto e Castelfidardo – che hanno aderito al progetto, a testimonianza della qualità della proposta, e riconosceranno crediti formativi ai docenti che parteciperanno agli incontri”, spiega Italo Canaletti, coordinatore del centro locale dei Salesiani Cooperatori di Porto Recanati.

 

 

Gennaio mese salesiano in tutta Italia

Ecco alcune tra le tante iniziative che nel mese di gennaio, nel quale ricorre la solennità di Don Bosco, si svolgono in molte case, parrocchie e centri giovanili in Italia.

Piemonte
Tra Valdocco e il Colle Don Bosco sono molti gli appuntamento per il mese di gennaio, fino alla celebrazione con il Rettor Maggiore del 31 gennaio.

Don Bosco – Roma
L’Opera salesiana Don Bosco di Roma organizza, per tutto il mese di gennaio, un ciclo di incontri sull’educazione “L’educazione è cosa di cuore”, per approfondire l’emergenza educativa del quartiere “Don Bosco Cinecittà” di Roma, con l’aiuto dell’Osservatorio Salesiano per i Diritti dei minori.

Borgo Ragazzi Don Bosco – Roma
Al Borgo Ragazzi Don Bosco di Roma sono diverse le iniziative in occasione della festa di Don Bosco. In vista della giornata del 14 maggio per “Ricostruire il patto educativo globale” lanciata da Papa Francesco allo scopo ravvivare l’impegno per un’educazione aperta ed inclusiva, il Borgo Ragazzi don Bosco, in collaborazione con Salesiani per il Sociale e Impresa Sociale Con i Bambini, organizza un seminario dal titolo “Per educare un bambino serve un intero villaggio – un patto educativo per Centocelle” per il giorno 31 gennaio 2020 alle ore 16.00 per lavorare ad un patto educativo nel quartiere di Centocelle.

Domenica 2 febbraio 2020 alle ore 11.00 verrà inaugurata al Borgo Ragazzi don Bosco una nuova sala polivalente da tanto attesa da tutti i ragazzi che l’opera salesiana accoglie ogni giorno ma soprattutto attesa da tutto il territorio del V Municipio. Nata dalla ristrutturazione dell’ex teatro che, inattivo da più di 10 anni, necessitava di importanti opere di riqualificazione e messe in sicurezza, questa nuova struttura colmerà un vuoto che ormai durava da diversi anni.

Salesiani Soverato
A Soverato, in Calabria, si festeggia Don Bosco con la presentazione della strenna 2020 del Rettor Maggiore a cura di Elena Marcandella, coordinatrice nazionale del MGS e con la festa per i giovani a Bovallino.

Cuneo
Sabato 18 e domenica 19 gennaio, a Cuneo andrà in scena un evento organizzato dall’Associazione Ex-Allievi  in collaborazione con la Famiglia Salesiana cuneese e patrocinati dal Comune di Cuneo e dalla Fondazione CRC.: lo spettacolo CAPOLAVORI, lecture show condotto da Mauro Berruto, ex ct della nazionale di pallavolo maschile. Se, parlando di “capolavori”, si pensa soprattutto all’arte (pittura, scultura, architettura, cinema, teatro, musica o letteratura), Mauro Berruto conduce, invece, un’indagine appassionata nella quale Diego Armando Maradona palleggerà con Michelangelo, Jury Chechi sfiderà Yves Klein, Muhammad Ali e Kostantinos Kavafis comporranno poesie, perché atleti, artisti e poeti fanno parte della stessa squadra: uno spazio in cui ogni individuo può esprimere il proprio talento e costruire il proprio personale capolavoro.

San Donà di Piave
Anche l’oratorio salesiano di San Donà di Piave si prepara per le celebrazioni con una serie di iniziative che si rivolgono in primis alle famiglie. Com’è tradizione negli ultimi anni, il gruppo “Famiglia: diventa ciò che sei” propone un ciclo di incontri formativi dal titolo “Il ritorno del padre”. Venerdì 17 gennaio il primo appuntamento, alle ore 20.45, al teatro Don Bosco, con l’avvocato Margherita Prandi, che interverrà sul tema “Dal pater familias all’eclissi del padre”. Lunedì 20 gennaio, sempre alle 20.45, si terrà il secondo incontro dal titolo “Il rischio di educare: paternità e libertà”, che vedrà come relatore il professore e scrittore Franco Nembrini. Il terzo e ultimo appuntamento si terrà venerdì 31 gennaio, stesso orario e stesso luogo dei precedenti, con un incontro dal titolo “Padri e figli: dipingiamo l’opera”, relatore don Alessio Geretti, curatore della mostra di Illegio. Oltre al ciclo di incontri formativi destinati alle famiglie, ci sarà anche il tradizionale convegno annuale degli ex-allievi, domenica 19 gennaio alle ore 10, nell’aula magna del Centro di formazione professionale, cui seguirà la santa messa e il pranzo. Quest’anno interverrà don Enrico Peretti, già ex-direttore dell’oratorio sandonatese e ora direttore generale del Cnos, che parlerà del tema “La formazione professionale: prospettive per il futuro”.
Sabato 25 gennaio, alle ore 20.45, all’auditorium del centro culturale Da Vinci della città, si terrà un concerto in onore del “padre e maestro dei giovani”, tenuto dalla Banda Don Bosco.
Domenica 26 gennaio festa “esterna” di san Giovanni Bosco, con la messa delle 9.30 presieduta in duomo da mons. Enrico Dal Covolo, vescovo titolare di Eraclea; a seguire, grandi giochi e sorprese per tutti nel cortile dell’oratorio cittadino. Infine, nella solennità di san Giovanni Bosco, il 31 gennaio, è prevista la messa alle ore 8.30 per i ragazzi del Cfp; a seguire la consegna delle borse di studio, giochi e tornei, mentre nel pomeriggio, alle 18.30, ci sarà la messa con il rinnovo delle promesse per gli aderenti all’associazione Domenico Savio.

“Ri-conoscere i diritti di tutti i figli”, il convegno dell’Osservatorio salesiano per i Diritti dei minori

Al via il progetto “Ri-Conoscere i diritti di tutti i figli” promosso dall’Associazione Salesiani per il Sociale Italia Centrale – Aps in collaborazione con l’Osservatorio Salesiano per i Diritti dei Minori e con il contributo dell’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza.

Nei tre incontri previsti (Frascati, Firenze e Roma) verranno coinvolti ragazzi e famiglie al fine di conoscere il documento Agia “La Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori”.

 “La Carta rappresenta un’enunciazione di diritti e principi di valore etico finalizzati a promuovere la centralità dei figli proprio nel momento della crisi della coppia. Obiettivo della Carta, dunque, è quello di rendere consapevoli i figli dei loro diritti e di contribuire alla crescita culturale dei genitori e in generale della società, al fine di garantire il rispetto dei diritti di cui sono portatrici le persone di minore età ”. – Filomena Albano –

 Tre gli appuntamenti programmati:

  •     il 4 dicembre Frascati presso l’Istituto Salesiano Villa Sora con la tavola rotonda “Quando la comunità riconosce i diritti di tutti i figli” relatori il Prof. Avv. Andrea Farina Coordinatore  dell’Osservatorio Salesiano per i Diritti dei Minori e la Prof.ssa Marialibera D’Ambrosio Università Pontificia Salesiana – Pedagogia Familiare. Sono previsti i saluti di Don Marco Aspettati Direttore Istituto Salsiano Villa Sora.
  • il 10 dicembre Firenze  presso l’Istituto Salesiano dell’Immacolata con il convegno “Il diritto di essere figli sempre” in cui interverranno il Prof. Avv. Andrea Farina Coordinatore  dell’Osservatorio Salesiano per i Diritti dei Minori, la Dott.ssa Maria Borghini, la Dott.ssa Benedetta San Mauro e la Dott.ssa Jessica dell’Aquila collaboratrici Equipe di terapia familiare per coppie e famiglie con bambini del Centro Psicopedagogico (CPPed) dell’Ateneo Salesiano. Sono previsti i saluti si Don Karim Madjidi Direttore Istituto Salesiano dell’Immacolata.
  • il 20 dicembre Roma presso l’Istituto Salesiano Pio XI con il seminario “Il diritto di continuare a essere figli” con la partecipazione del Prof. Avv. Andrea Farina Coordinatore  dell’Osservatorio Salesiano per i Diritti dei Minori, della Dott.ssa Livia Cacialli, della Dott.ssa Chiara Nardi e della Dott.ssa Alberta Venzi collaboratrici Equipe di terapia familiare per coppie e famiglie con bambini del Centro Psicopedagogico (CPPed) dell’Ateneo Salesiano. Sono previsti i saluti di Don Gino Berto Direttore Istituto Salesiano Pio XI.

Durante gli eventi si parlerà del Documento AGIA, dell’importanza di mantenere inalterata la centralità dei figli anche nelle fasi di crisi dell’assetto familiare e di come gestire la conflittualità all’interno della famiglia ove a prevalere deve essere sempre il diritto all’educazione del figlio.

A 30 anni dall’adozione della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza si rifletterà sull’importanza della tutela dei figli in tutte le vicende familiari e sul ruolo che la comunità può svolgere rispetto ai momenti di fatica di alcune famiglie. Si cercheranno spunti e prospettive nuove per evitare che i diritti dei figli possano essere messi a rischio.

Tutti gli incontri saranno aperti dal messaggio di saluto dell’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza Dott.ssa Filomena Albano, di Don Roberto Dal Molin Presidente Nazionale Salesiani per il Sociale – Aps e di Don Emanuele De Maria Presidente Salesiani per il Sociale Italia Centrale – Aps come previsto da programma.

L’Avv. Prof. Andrea Farina, coordinatore introdurrà lo scritto Agia e i diritti in esso riconosciuti con uno sguardo attento ai principi espressi nella Convenzione di New York del 1989 sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Gli occhi sulla bussola: le caratteristiche dell’accompagnatore

di Raffaele Mantegazza

… con ambo le braccia mi prese;
e poi che tutto su mi s’ebbe al petto,
rimontò per la via onde discese
Dante, Inferno, XIX, 124-126

Protegge, guida, lascia andare avanti, richiama indietro; scosta i sassi sulla via, ne posiziona alcuni dove non ve ne sono, scava buche, ne riempie, ne riscava; consola chi è stanco, incita i pigri, rallenta i troppo audaci; conosce la strada ma finge di non conoscerla, si è perso ma finge di conoscere la via: è l’accompagnatore educativo.
Ruolo difficile, che tocca nel profondo chi lo ricopre, che lo colpisce in profondità emotive che spesso nemmeno sapeva di possedere, ruolo che richiede il massimo delle competenze tecniche, relazionali, emotive. Professione impossibile, come la definiva Freud: “sembra quasi che quella dell’analizzare sia la terza di quelle professioni ‘impossibili’ il cui esito insoddisfacente è scontato in anticipo. Le altre due, note da tempo, sono quella dell’educare e del governare”[1]. Ruolo che richiede distanziamento, attimi di distacco, di completo riposo, coinvolgimento misurato, distanza calda; ruolo che ogni giorno è differente eppure ha bisogno di costanti per non smarrirsi nelle relazioni che di volta in volta cambiano protagonisti.
Educare è difficile, al punto che da qualche anno capita di incontrare educatori che non vogliono essere tali. “Io non posso educare nessuno”, “io non ho nulla da insegnare”: affermazioni che sembrerebbero manifestare umiltà ma che invece sono il segno della resa, della dismissione di un ruolo, come se un medico dicesse che non può curare nessuno o un politico affermasse di non avere nessun progetto da portare a termine per il bene dei cittadini. Affermazioni anche un po’ vili, perché portano alla dismissione della responsabilità, all’abbandono degli educandi, che saggiamente se ne vanno da un’altra parte.
La prima caratteristica dell’accompagnatore è la sicurezza; una sicurezza mai al riparo dal dubbio, che spesso si trasforma nella sicurezza di avere dubbi, ma che non può mai sfociare negli opposti estremismi dell’arroganza e del totale nichilismo. L’educatore deve mostrare sicurezza anche quando è insicuro, perché il suo ruolo prevede che conosca la strada o, se si è perso, conosca il modo per ritrovarla. Nessun relativismo alla moda potrà mai convincerci che esiste perfetta simmetria tra educatore ed educando, tra accompagnatore e accompagnato: in questo caso basterebbe parlare di amicizia senza scomodare l’educazione (“educazione” è forse uno dei termini della lingua italiana maggiormente abusato, o usato in modo scorretto). E ovviamente la prima sicurezza dell’educatore è che di fianco a sé, da qualche parte, ha un collega che può aiutarlo e dal quale può imparare. Dovrebbe essere vietato svolgere il ruolo educativo da soli; se vogliamo che educare sia insegnare a condividere la prima cosa da condividere è la nostra attività educativa, liberandoci da ogni protagonismo, narcisismo, senso di superiorità.

 

Italia Centrale, parte la Scuola di Mondialità sul tema del consumo e dell’economia

Iniziano anche per l’anno 2019-2020, secondo un calendario differenziato per ogni zona, le Scuole di Mondialità: un’iniziativa di animazione missionaria pensata per la formazione dei giovani, ordinariamente maggiorenni, sensibili a temi di carattere missionario.

Il percorso prevede l’approfondimento del tema del consumismo e dell’economia.

Dopo aver affrontato lo scorso anno il tema dei conflitti, si è deciso di dedicare la riflessione di questo anno al consumismo. Non si tratta solo di una problematica che riguarda l’uomo che usa e consuma beni materiali presenti nel nostro ecosistema comune, ma di un argomento che intercetta diverse e molteplici dimensioni dell’umano: l’uomo in relazione con l’ambiente, i diritti umani, la fruizione dei prodotti virtuali, il mondo del lavoro e delle relazioni, il consumismo nell’ottica del Vangelo.

​La partecipazione alla Scuola di Mondialità è richiesta a tutti quei giovani che desiderano fare un’esperienza missionaria e di servizio durante la prossima estate 2020.

La Scuola è aperta anche a tutti i giovani che vogliono formarsi sul tema.

calendari delle varie zone sono in fase di elaborazione e saranno presto scaricabili.

È già disponibile quello della zona Lazio-Umbria che inizierà con il primo incontro di formazione il 16 novembre alle ore 16:00 presso l’istituto Maria Ausiliatrice delle salesiane di Don Bosco in via Marghera, 59 a Roma.

Il docente del XXI secolo: la sfida della scuola Salesiana

Sabato 13 ottobre all’Istituto Salesiano Sant’Ambrogio di Milano, i docenti  delle scuole di ogni ordine e grado dell’Ispettoria Salesiana Lombardo-Emiliana, si sono ritrovati per una mattinata di formazione e, di dibattito sul tema “La professionalità del docente nel XXI secolo”. Hanno partecipato alla Tavola Rotonda, moderata dal prof. Alberto Introini, il salesiano don Pietro Mellano, Presidente Nazionale CNOS Scuola, il dottor Damiano Previtali, Dirigente MIUR SNV e il professor Franco Nembrini, Rettore Emerito “La Traccia”.

Ogni relatore, dal proprio osservatorio privilegiato, ha condiviso la sua idea di professionalità docente, ha cercato di evidenziare le caratteristiche per essere un docente efficace e competente nella difficile sfida di educare bambini, ragazzi e giovani ad affrontare nel migliore dei modi la realtà quotidiana; una scuola in continuo movimento richiede insegnanti preparati e in grado di comprendere che ormai l’apprendimento va al di là della cattedra e delle sole lezioni frontali.

È necessario raggiungere standard professionali che non comprendano solo aspetti disciplinari, didattici, metodologici e relazionali, ma che interessano l’aspetto della crescita del giovane nella vita di tutti i giorni, nella relazione con i compagni, con i genitori e con gli stessi docenti.

Naturalmente per svolgere il ruolo di docente è necessaria una passione educativa connotata dal carisma salesiano che pone al centro di ogni apprendimento la persona.

Dopo un’intensa mattinata di dibattito, è stata celebrata la Santa Messa, presieduta dall’Ispettore don Giuliano Giacomazzi, a cui è seguito il pranzo comunitario preparato e servito dai ragazzi del Centro CNOS FAP Turistico Alberghiero di Arese.