Novena a Don Bosco realizzata dai giovani Salesiani di Nave

Si rende disponibile la novena a don Bosco realizzata dai giovani Salesiani di Nave (BS): uno spunto per vivere al meglio la preparazione alla festa del Santo dei giovani.

Dal 22 al 30 Gennaio 2020 viene proposta per ogni giorno la figura di un Santo, il suo “legame” con Don Bosco ed una preghiera dedicata.

Di seguito si riporta il testo sfogliabile della novena:

In occasione della festa di Don Bosco, i Salesiani di Nave presentano anche uno spettacolo musicale:

 

 

Assemblea di Pastorale Giovanile – 11 gennaio 2020

Sabato 11 gennaio, all’istituto San Tarcisio di Roma, si è svolta l’assemblea di Pastorale Giovanile che ogni raduna delegati di PG e ispettori dell’Italia Salesiana, oltre ai Coordinatori degli Uffici Nazionali e Incaricati dei Collegamenti, il presidente CISI don Stefano Martoglio e il segretario generale della CISI don Roberto Dal Molin.

Si tratta di un momento di verifica e riflessione che permette poi agli ispettori riuniti di prendere le decisioni in merito a quando discusso. Questo l’ordine del giorno dell’assemblea:

  • Ufficio Parrocchie e Oratori: don Silvio Zanchetta ha condiviso la verifica del Seminario “Valdocco oggi. Quale oratorio per il Terzo Millennio?”, per il quale sono disponibili tutti i materiali

  • Cnos Scuola: don Pietro Mellano ha fatto una relazione sullo stato della situazione, facendo il confronto con la Spagna
  • Cnos FAP: don Enrico Peretti, nel suo intervento, ha lanciato il seminario di studio che si svolgerà a febbraio al Colle Don Bosco: “A che può servire questa stoffa?”

  • L’Ufficio Comunicazione sociale con don Moreno Filipetto ha presentato, oltre alla relazione delle attività svolte durante l’anno, un documento sull’assetto comunicativo della nuova sede del centro nazionale.
  • Per l’Emarginazione  e il disagio, l’ufficio Servizio Civile di Salesiani per il Sociale APS ha presentato l’esperienza del servizio civile in Italia e all’estero che sta partendo in questi giorni oltre ai progetti in atto, come “Connessi”, appena partito.
  • Ufficio Animazione Vocazionale: presentata la proposta per il prossimo Seminario di Animazione Vocazionale a cura del Coordinatore Nazionale don Fabiano Gheller.
  • Per l’Animazione Missionaria è stata presentata l’esperienza di formazione delle equipe missionarie.
  • Per Salesiani Cooperatori ed Exallievi sono state presentate le relazioni sullo stato delle associazioni da parte dei delegati nazionali.
  • MGS: dopo la significativa esperienza dell’assemblea di Santeramo, la coordinatrice nazionale Elena Marcandella ha presentato l’architettura principale della Proposta Pastorale 2020/2023.
  • Collegi e residenza universitarie: nella relazione di don Carlo Busana risulta che i ‘Collegi Universitari Salesiani’ (CUS) in Italia sono 20, per un ammontare di circa 1200 giovani universitari e con un andamento che va ancora aumentando.
  • Note di Pastorale Giovanile: don Rossano Sala, direttore della rivista, ha presentato i numeri e l’andamento di NPG.

Notte Nazionale del Liceo Classico: iniziative a Villa Sora e al liceo Valsalice

Spettacoli teatrali, musica, dibattiti, cineforum, degustazioni a tema ispirate al mondo antico e quant’altro la fantasia e l’energia di studenti e docenti saprà mettere in atto: venerdì 11 gennaio, dalle ore 18 fino alla mezzanotte, in 433 Licei classici in ogni parte d’Italia prenderà vita la quinta edizione della Notte Nazionale del Liceo Classico. Si tratta di uno degli eventi più innovativi ideati dalla scuola per promuovere il valore della cultura umanistica e l’attualità del suo studio.

Per la scuola salesiana saranno due i licei classici a partecipare: Villa Sora a Frascati (ICC) e il liceo Valsalice (ICP).

Per Villa Sora, l’appuntamento è venerdì 17 gennaio: le aule del centenario istituto salesiano “Villa Sora” si animeranno di laboratori e attività per la celebrazione del patrimonio del mondo classico a cui attingono le radici della nostra cultura. La Notte nazionale del liceo classico sarà inaugurata alle ore 18,00 da un intervento di grande prestigio: la presentazione dell’ultimo libro di Giulio Ferroni, L’Italia di Dante. Le celebrazioni procederanno con gallerie di lavori artistici, la premiazione del concorso letterario, attività proposte dagli studenti che sono i protagonisti assoluti della serata.

Al liceo Valsalice, sempre il 17 gennaio, dalle ore 18.30 inizierà un programma di attività che avrà come tematica principale: “Io e l’altro. Il liceo classico al centro del dialogo tra noi e lo straniero”. Ospite lo scrittore Enrico Remmert.

Con Salesiani per il Sociale 1.157 giovani pronti all’esperienza del Servizio Civile Universale

Sono 1.157 i giovani che da metà gennaio vivranno l’esperienza del volontariato con il servizio civile con Salesiani per il Sociale, l’ente non profit dei Salesiani in Italia che coordina il Servizio Civile Universale in Italia e all’Estero.

Tra Italia ed estero sono 90 i progetti che vedranno impegnati i giovani: 64 progetti ordinari di servizio civile in Italia per 752 posti disponibili; 20 progetti con misure aggiuntive di servizio civile in Italia per 365 posti disponibili (progetti con misure aggiuntive che consentiranno ai giovani di collaudare alcune novità  introdotte dalla recente riforma del servizio civile universale. Si tratta, nello specifico, di un periodo di tutoraggio, fino a tre mesi, finalizzato a facilitare l’accesso al mercato del lavoro dei volontari; di misure che favoriscono la partecipazione dei giovani con minori opportunità ).

Il 15 gennaio partiranno 71 progetti per 971 volontari, mentre il 20 febbraio 13 progetti per 146 volontari.

Per l’estero ci sono tre progetti in Spagna, Francia e Romania: i 30 volontari dal 15 al 21 gennaio saranno impegnati nella  formazione residenziale a Roma al Borgo Ragazzi Don Bosco. I progetti per l’estero verranno svolti negli oratori, nei convitti, nelle scuole e nella case famiglia. Le attività invece riguardano tempo libero, sostegno allo studio, educazione, laboratori creativi, sportivi, di lingua e musica. A febbraio partiranno altri due progetti del VIS in Angola, Ghana, Etiopia e Palestina con otto volontari.

Buon 2020!

“Oggi su di noi splenderà la luce,  perché è nato per noi il Signore;
Dio onnipotente sarà il suo nome,  Principe della pace, Padre dell’eternità: il suo regno non avrà fine”

 

Buon 2020!

Auguri per un Santo Natale e un felice 2020

“A che può servire questa stoffa?” Convegno di formazione per la Formazione Professionale

“A che può servire questa stoffa? Formazione Professionale, Pastorale ed Educazionale”: è questo il titolo del seminario che si svolgerà al Colle Don Bosco dal 19 al 21 febbraio 2020. I destinatari sono Catechisti/animatori e/o coordinatori pastorali/insegnanti di Religione/Etica, direttori di CFP, membri delle équipe di PG che hanno a cuore nei CFP salesiani (e/o membri della Federazione CNOS-FAP) delle Regioni in Italia la dimensione educativo-pastorale; consacrati salesiani e laici che in una strategia di comunione “condividono spirito e missione” nella complementarietà tra stati di vita, tra professionalità teologiche e civili.

L’obiettivo  è vivere un’esperienza che valorizzi le acquisizioni della riflessione e della prassi presenti nelle Ispettorie/Regioni e rilanciare la missione di educare ed evangelizzare i giovani della FP, affrontando le sfide attuali alla luce del carisma salesiano.

Corridoi umanitari, presentato a Bruxelles un modello salesiano integrato di accoglienza, integrazione sociale e formazione professionale

Pubblichiamo il comunicato stampa di Salesiani per il Sociale APS, VIS-Volontariato Internazionale per lo sviluppo e CNOS Fap sul modello salesiano di accoglienza, integrazione sociale e formazione professionale sperimentato nel progetto dei Corridoi Umanitari. 

***

Salesiani per il Sociale Aps, Federazione Cnos-Fap e Vis-Volontariato Internazionale per lo Sviluppo, tre enti Salesiani, hanno potuto presentare il nuovo approccio durante la conferenza finale “Private sponsored safe and legal passage” del progetto “Humanitarian Corridors” che si è svolta il 4 dicembre a Bruxelles.

Questo modello prevede un percorso formativo pre-partenza con corsi di italiano, cultura civica e norme di convivenza relative al futuro contesto di accoglienza e corsi di formazione professionale post- arrivo per favorire l’inserimento socio professionale. Nell’ottica di un’accoglienza che tracci percorsi di autonomia, i giovani rifugiati accolti sono stati accompagnati dagli educatori nell’apprendimento della lingua italiana, nell’inserimento nel sistema scolastico, in corsi di formazione professionale e tirocini, assistenza legale e psicopedagogica attraverso la costruzione di un progetto educativo personalizzato. I giovani sono stati coinvolti in attività di socializzazione, di volontariato e hanno avuto il pieno supporto della comunità locale, dei volontari e delle famiglie.

Finora questo modello è stato applicato in maniera sperimentale in due centri della Sicilia, l’Istituto San Gregorio di Catania e l’Associazione Don Bosco 2000, accogliendo un totale di 15 giovani rifugiati provenienti dall’Eritrea, dall’Etiopia e dal Sud Sudan.

LA STORIA

I nostri operatori hanno incrociato le loro storie, i loro volti e raccolto le loro testimonianza. Come quella di Michele Tewelde, di 23 anni, nato a Segheneiti in Eritrea. Da aprile frequenta la scuola professionale di meccanica presso la sede del CNOS-FAP, in preparazione dell’avvio di un periodo di tirocinio a Catania. Dopo essere scappato dal suo paese, ha incontrato gli operatori della Comunità di Sant’Egidio e ha potuto partire per l’Italia. Il 30 ottobre Michele è giunto a Roma ed è stato accolto da un gruppo di volontari dell’associazione Don Bosco 2000, presidio VIS e appartenente a Salesiani per il Sociale APS, con cui è ripartito alla volta di Catania, per iniziare insieme ad altri giovani rifugiati la sua nuova vita in Italia, alla Colonia Don Bosco. “Durante la mia permanenza alla colonia Don Bosco, ho dato una mano collaborando in cucina. Ho vissuto delle esperienze molto interessanti che mi sono servite per conoscere tante persone Italiane. Ho partecipato a degli incontri con dei giovani che frequentano la scuola dei Salesiani per potermi presentare e parlare della mia storia e della mia esperienza. Durante il periodo di Quaresima ho potuto partecipare ad una celebrazione eucaristica a Pietraperzia dove il sacerdote ha coinvolto tanti ragazzi migranti per il momento della lavanda dei piedi. Ho avuto la possibilità di partecipare ad un incontro con l’università dove ho conosciuto giovani universitari miei coetanei che non sono contrari all’accoglienza dei migranti e mi sono sentito incoraggiato.” Ama lo sport e da febbraio ha iniziato a giocare in una squadra di calcio, avendo la possibilità di partecipare anche a trasferte fuori Catania. “Per adesso è questa la mia storia e spero di poter avere altre cose belle da raccontare”

IL PROGETTO

Il progetto europeo “Humanitarian Corridors – Upscale a promising practice for clearly linked pre-departure and post-arrival support of resettled people” ha le sue radici nei Corridoi Umanitari realizzati dalla Comunità di Sant’Egidio, dalla Tavola Valdese e dalla Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, nel biennio 2016-2017, con la collaborazione dell’Associazione “Comunità Papa Giovanni XXIII” attraverso il suo Corpo Nonviolento di Pace “Operazione Colomba”. Nati in Italia dalla volontà di dare una risposta ai tanti profughi che ogni giorno fuggono da situazioni di guerra e povertà e cercano riparo nei Paesi limitrofi a quelli di origine o in Europa, i Corridoi Umanitari costituiscono un caso particolarmente significativo ed originale di sponsorship che si rivolge a persone potenzialmente titolari di protezione internazionale ed in condizioni di vulnerabilità (così come definite dalla Direttiva Europea 2013/33 del 26 giugno 2013). Il progetto è stato finanziato dal fondo AMIF dell’Unione Europea (Asylum, Migration and integration Fund), ha avuto come capofila l’Associazione Giovanni XXIII.

Appello Missionario 2020 del Rettor Maggiore dei Salesiani, don Ángel Fernández Artime

L’Agenzia d’Informazione Salesiana Ans riporta il video dedicato all’appello missionario 2020 del Rettor Maggiore dei Salesiani, don Ángel Fernández Artime.

Miei cari Confratelli, se oggi l’Africa ha 1500 Salesiani è perché prima, in risposta al progetto Africa, 323 confratelli sono andati come missionari ad gentes in Africa. Se oggi siamo in India con 2800 confratelli è perché prima sono andati dei bravissimi confratelli missionari a condividere l’annuncio del Vangelo, la Parola di Dio e l’educazione dei ragazzi. Questa è la nostra realtà. Questa è anche l’identità della nostra congregazione.

Don Bosco portava nel cuore una grande passione missionaria.

Oggi faccio questo appello missionario: vi invito all’ascolto della chiamata di Dio, perché il Signore continua a chiamare con una vocazione speciale i confratelli che sentono veramente questo appello missionario. Invito anche le Ispettorie ad essere sempre generose. Invito tutti a creare questa sensibilità missionaria dappertutto e aspetto anche le vostre lettere e chiamate dicendo “io penso che il Signore mi stia chiamando”.

(don Ángel Fernández Artime)

Opere Sociali Don Bosco, il CFP di Sesto San Giovanni stringe un accordo con Yamaha Moto Europe NV

Pubblichiamo il comunicato stampa delle Opere sociali Don Bosco di Sesto San Giovanni sulla firma dell’accordo tra il CFP “Enrico Falck” e Yamaha Moto Europe N.V.

***

Il Centro di Formazione “Enrico Falck” Cnos-Fap delle Opere Sociali Don Bosco si arricchisce di una collaborazione molto importante per il suo settore automotive: quella di Yamaha Moto Europe N.V. La finalità di questo accordo è infatti quello di ricercare e sperimentare nuove modalità di collaborazione tra gli enti per facilitare il rapporto e la transizione tra mondo della formazione e mondo del lavoro. Nello specifico la famosa azienda nota in tutto il mondo, sinonimo di primato nelle competizioni su due ruote, collaborerà con la Fondazione Cnos-Fap per qualificarne le risorse strumentali (laboratori, aule didattiche, dotazioni tecniche…) e per elevare le competenze professionali, tecnologiche ed operative dei formatori e degli stessi allievi delle sue sedi.

Viene pertanto riconosciuto il ruolo prioritario della scuola e della formazione professionale quale fattore di sviluppo della società civile, individuando nell’integrazione tra sistemi formativi e  ambienti industriali lo strumento idoneo a innalzare il livello culturale e la competitività del “sistema Paese”.

A sancire l’importanza di questo passaggio, mercoledì 11 dicembre 2019 alle ore 12, nella sede Yamaha di Gerno di Lesmo (in via Tinelli 67/69), saranno presenti Andrea Colombi (Country Manager di Yamaha Motor Europe N.V. – Sede Secondaria), don Elio Cesari (Direttore delle Opere Sociali Don Bosco), Francesco Cristinelli (Direttore della sede di Sesto San Giovanni del Cnos-Fap Lombradia).