Approfondimento CG28, intervista a don Roberto Carelli sulla Sinodalità missionaria in chiave eucaristica

Sono ormai divenuti un appuntamento mensile fisso gli incontri di approfondimento del CG 28 organizzati dal Centro Studi “Tabernacoli Viventi” in collaborazione con la CISI formazione.

In questo mese, sabato 20 febbraio 2021 dalle ore 9 alle 10,15, l’intervista a don Roberto Carelli salesiano sul tema: “La sinodalità missionaria in chiave eucaristica”, ovvero il tema della comunione nella chiesa a partire dalla lettura profonda dell’esperienza della salesiana cooperatrice e serva di Dio Vera Grita. Don Roberto Carelli è docente di antropologia teologica nella facoltà di Teologia di Torino Crocetta, animatore spirituale dell’ADMA primaria di Torino, autore di diversi libri e articoli.

Dopo aver ascoltato Lodovica Zanet sull’antropologia della santità salesiana, il Rettor Maggiore don Ángel Fernández Artime sul sacramento salesiano salesiano della presenza, il padre Lethèl sulla presenza eucaristica, il quarto incontro approfondirà la ricchezza della missione condivisa tra le diverse vocazioni nella Chiesa. Don Roberto parlerà del contributo specifico che lo Spirito ha consegnato a Vera Grita. Don Carelli verrà intervistato da don Flaviano D’Ercoli, direttore della casa salesiana di Roma Gerini. Per partecipare all’incontro occorre collegarsi alla pagina Facebook di Don Bosco Italia.

Sabato 23 gennaio, per l’approfondimento del CG28 intervista a padre François-Marie Léthel

Continuano gli incontri di approfondimento del CG 28 organizzati dal Centro Studi “Tabernacoli Viventi” in collaborazione con la CISI formazione attraverso un’intervista a padre François-Marie Léthel carmelitano sul sacramento della Presenza Eucaristica, sabato 23 gennaio 2021 dalle ore 9 alle 10,15.

Padre Léthel è uno dei massimi esperti mondiali della teologia spirituale, consultore per la Congregazione delle Cause dei Santi, docente di spiritualità al Teresianum e predicatore degli esercizi spirituali a papa Benedetto XVI e alla Curia Romana nel 2011. Dopo aver ascoltato Lodovica Zanet sull’antropologia della santità salesiana, il Rettor Maggiore don Angel Artime sul sacramento salesiano salesiano della presenza il terzo incontro approfondirà il tema della presenza eucaristica. Padre Lethel parlerà della profonda “ferita eucaristica” causata dalla pandemia del covid 19, delineerà il cammino storico della Chiesa attraverso il Magistero e i santi riguardo alla Presenza Reale di Gesù nell’Eucaristia, per renderla sempre più vicina ai fedeli, farà riferimento al Magistero eucaristico dei santi Pontefici Paolo VI e Giovanni Paolo II e infine ricorderà alcuni testimoni recenti che hanno vissuto una relazione viva con Gesù Eucaristia: Chiara Lubich, il Cardinale Van Thuan, Vera Grita e Carlo Acutis. Padre Lethel verrà intervistato da don Silvio Roggia, membro del dicastero mondiale per la Formazione. Per partecipare all’incontro occorre collegarsi alla pagina Facebook di Don Bosco Italia.

Giovani salesiani e accompagnamento, il video-seme di dicembre

Il Dicastero della Formazione ha preparato un cammino formativo “Giovani salesiani e accompagnamento – Orientamenti e direttive”, attraverso dei  “video-semi” e altro materiale a disposizione per chi vuole utilizzarlo.

Per dicembre, è uscito il quarto video seme, che si ispira al salmo 26: “Il tuo volto Signore io cerco”… sui passi di Don Bosco.

“Infatti, alle oltre 4000 risposte pervenute nella ricerca sull’accompagnamento si coglie come il desiderio profondo di chi sta crescendo nella sua vocazione salesiana e di chi accompagna questa crescita è di vivere sempre più in sintonia con lo Spirito. C’è un sincero desiderio di seguire Gesù per aderire con lui alla volontà del Padre con tutto il cuore, tutta l’anima e tutte le forze. Soprattutto tra i novizi emerge con forza anche il desiderio di conoscere e fare proprio lo Spirito Salesiano, per diventare come Don Bosco per i giovani di oggi”, scrive don Silvio Roggia, del Dicastero della Formazione.

Per avere tutto il materiale a disposizione, si può chiedere direttamente a don Silvio Roggia tramite email oppure, scaricare da qui 

Quali Salesiani per il giovani di oggi? Il percorso di formazione per approfondire il CG28

Papa Francesco nella lettera al CG 28 ha richiamato il carisma della presenza per mostrare che l’educatore pone la sua fiducia nell’azione del Signore. La presenza del salesiano, in particolare si riferisce al coadiutore, è gratuita e gioiosa in mezzo ai giovani. Inoltre, come quella di mamma Margherita e delle donne dei nostri ambienti, è una presenza reale, effettiva ed affettiva che si declina come ospitalità e come casa. 

Nasce da qui il ciclo di incontri organizzato dalla CISI Settore Formazione in collaborazione con il Centro Studi Opera Tabernacoli Viventi e rivolto ai salesiani che vuole approfondire il CG 28 come occasione di formazione permanente.

Il Rettor Maggiore nel discorso finale e nelle linee programmatiche per il sessennio pone l’apice delle sfide nella profondità carismatica, il cui fondamento è la relazione con Gesù Cristo, e nel vivere il “sacramento salesiano” della presenza. 

Il CG 28 al n° 37 ha indicato nella sinodalità missionaria la via per la conversione del cuore e della mente, la direzione della pastorale giovanile e la modalità per realizzare negli uomini e nelle donne di comunione la costruzione dello spirito di famiglia e la condivisione della missione. Al n° 3 ha inoltre indicato nel campo dell’affettività con tutte le questioni legate al genere e all’identità sessuale una sfida alla nostra visione antropologica.  

Obiettivo

Approfondire l’identità carismatica a partire dal “sacramento salesiano della presenza” nella forma della sinodalità missionaria con una sottolineatura della dimensione affettiva 

Modalità

Attraverso incontri di formazione on line nello stile dell’intervista (35’- 40’) e con la possibilità di sviscerare il tema mediante domande in chat dei partecipanti (30’). Gli incontri potranno anche essere registrati e rivisti in un altro momento.

Destinatari

Tutti i salesiani in formazione iniziale e permanente che desiderano vivere un approfondimento carismatico a partire dal CG 28.

Tematiche, relatori, date

  1. L’Antropologia della santità salesiana (intervista a Lodovica Zanet, collaboratrice della Postulazione Generale SDB): Sabato 14 novembre (h 9-10,15)
  2. Il “sacramento salesiano della presenza” (intervista a don Angel Fernandez Artime, Rettor Maggiore): Sabato 5 dicembre (h 9-10,15)
  3. Il sacramento della presenza eucaristica: approfondimenti teologici e spirituali (dialogo con padre François-Marie Léthel O.C.D.): Sabato 23 gennaio (h 9-10,15)
  4. La sinodalità missionaria verso i giovani più poveri in chiave eucaristica (intervista con don Roberto Carelli SDB): Sabato 20 febbraio (h 9-10,15)
  5. Affettività ed Eucarestia: per un itinerario di educazione all’amore (dialogo con don Andrea Bozzolo SDB): Sabato 20 marzo (h 9-10,15)
  6. Il “sacramento della presenza” nell’esperienza di due donne salesiane cooperatrici: Alexandrina Da Costa e Vera Grita (dialogo con Maria Rita Scrimieri, coordinatrice Centro Studi “Opera dei Tabernacoli Viventi”) Sabato 17 aprile (h 9-10,15)

La proposta di formazione potrebbe sfociare, per chi lo desidera, in un momento di formazione più specifico sull’Opera dei Tabernacoli Viventi di tre o quattro giorni in estate per approfondirne i contenuti e i risvolti per la propria vita salesiana.

Gli incontri verranno trasmessi in streaming sulla Pagina Facebook di Salesiani Don Bosco Italia 

 

 

 

 

Recuperare “interiorità apostolica” attraverso la “grazia di unità”. Il volume di Don Viganò spiegato da don Sala

Pubblichiamo l’intervista a don Rossano Sala da parte di ANS. Don Sala è il curatore del volume L’interiorità apostolica. Riflessioni sulla “grazia di unità” come sorgente di carità postorale, (LDC, Torino 2020), un testo di Don Egidio Viganò, VII Successore di Don Bosco.

***

(ANS – Roma) – In questi giorni è uscito il testo di Don Egidio Viganò, VII Successore di Don Bosco alla guida della Congregazione Salesiana, intitolato L’interiorità apostolica. Riflessioni sulla “grazia di unità” come sorgente di carità postorale, (LDC, Torino 2020). Il testo vanta la prefazione di Don Ángel Fernández Artime (X Successore di Don Bosco), la postfazione di Don Pascual Chávez (IX Successore) e un contributo di Don Juan Edmundo Vecchi (VIII Successore). Abbiamo intervistato il curatore del volume, don Rossano Sala, professore ordinario di Teologia pastorale e Pastorale giovanile presso l’Università Pontificia Salesiana, Direttore della rivista Note di pastorale giovanile e già Segretario Speciale del Sinodo sui Giovani.

Da dove nasce l’idea di questo volume?

Nel 2020, precisamente il 26 luglio, ricorre il centenario della nascita di Don Egidio Viganò. E il 23 giugno il venticinquesimo della sua morte, avvenuta a Roma nel 1995. Partendo da queste due date Don Ángel, attuale Rettor Maggiore, ha chiesto un segno per ricordare e attualizzare la figura di Don Viganò. Così è nata questa pubblicazione.

Tra i tanti testi di Don Viganò, perché si è scelto di ripubblicare proprio L’interiorità apostolica?

Ci abbiamo pensato parecchio, e abbiamo riconosciuto che questo testo raccoglie in sintesi il meglio del pensiero e della proposta apostolica di Don Viganò alla Congregazione e alla Famiglia Salesiana. Oggi, come dice bene Don Ángel, nella sua prefazione, in un mondo in rapido cambiamento, sempre più multicentrico e confuso, rischiamo più che mai di smarrire la nostra identità carismatica. Recuperare “interiorità apostolica” attraverso la “grazia di unità” è strategico e decisivo, oggi più che mai.

Che cosa dobbiamo intendere con “grazia di unità”?

Don Egidio ne ha parlato in lungo e in largo nel suo fecondo magistero. La vita salesiana è attiva, dinamica, creativa, apostolica. È evidente che i suoi rischi sono la dispersione e l’attivismo, la superficialità e la mediocrità spirituale. “Grazia di unità” significa prima di tutto che noi siamo quel che siamo solo se rimaniamo uniti a Dio, che l’unità della nostra vita è una questione teologale, cioè si radica nella costante unione con Dio. Che essere attivi non è opposto ad essere contemplativi, e viceversa: ciò è evidentissimo nella vita del Signore Gesù, che unisce mirabilmente l’azione apostolica con la preghiera sul monte. Ed è chiaro anche nell’esistenza di Don Bosco, che ha sempre trovato nell’unione con Dio la fonte inesauribile della sua azione apostolica.

Sta dicendo che dobbiamo ancora una volta ripartire da Don Bosco come uomo di Dio?

Certo, il segreto di Don Bosco sta nella sua vita interiore, nella sua “interiorità apostolica”. Si racconta che il beato Ildefonso Schuster, cardinale arcivescovo di Milano e grande estimatore di Don Bosco, quando ricevette e lesse nei primi anni ’50 il volume Don Bosco con Dio di Eugenio Ceria – che rimane un classico della spiritualità salesiana – disse così: “Finalmente i salesiani incominciano a capire Don Bosco”. Lui, benedettino, aveva ben chiaro che l’unione con Dio sta alla radice di ogni pratica apostolica degna di questo nome!

Che cosa ha chiesto ai tre Rettori Maggiori che sono intervenuti nel volume?

A Don Ángel solo una breve prefazione. Chi è chiamato a fare il Rettor Maggiore va lasciato in pace, ha già troppo da fare anche in tempi di pandemia! Ho pensato invece di ripubblicare una bellissima e poco conosciuta lettera circolare di Don J.E. Vecchi (ACG 354), scritta quando era Vicario, pochi mesi dopo la morte di Don Egidio. Riprende l’identità del consacrato salesiano a partire dalle tantissime lettere del suo predecessore e quindi è un’ottima premessa al testo L’interiorità apostolica. E poi ho domandato a Don Chávez, nella postfazione al volume, di attualizzare il lungo e fruttuoso magistero di Don Viganò per l’oggi della nostra vita di consacrati e apostoli dei giovani. E lo ha fatto in forma davvero magistrale.

Quali sono le attese per questo volume?

Il Rettor Maggiore ha omaggiato una copia del testo a tutte le Ispettorie del mondo ed alcune altre a tutte le case di formazione. Così anche a tutti i gruppi della Famiglia Salesiana. Ha chiesto all’editore italiano (LDC) di offrire gratuitamente i diritti d’autore per eventuali traduzioni in altre lingue. Il desiderio non è semplicemente quello di diffondere il libro e di tradurlo, ma di aiutare ogni consacrato salesiano e ogni membro della Famiglia Salesiana a vivere pienamente la propria vocazione di discepolo del Signore e apostolo dei giovani. Perché, in fondo, essere parte del carisma salesiano significa prima di tutto e soprattutto questo.

Vi state interrogando su quali priorità darvi?

Michele Falabretti

Non poche volte capita che siamo sotto pressione da parte della comunità per l’urgenza di realizzare qualche aspetto del progetto durante il processo di progettazione. Questo rischia di impedire di valutare le priorità nel percorso di progettazione che stiamo compiendo e la pressione del contingente non permette di vivere una riflessione come gruppo di lavoro, attorno ai vari elementi che potrebbero arrivare dalla condivisione attenta e approfondita con il contributo di tutti i membri. Si rischia di perdere anche di vista gli orizzonti più ampi della Pastorale giovanile e della Chiesa stessa. Viene proposta di seguito una simulazione su qualche questione per sperimentare come sia possibile raggiungere una soluzione finale il più possibile condivisa sulle priorità da realizzare per la buona riuscita del progetto.

UNA TECNICA ATTIVA: DECIDERE INSIEME

In un gruppo di progettazione è importante condividere anche le dinamiche di elaborazione e decisionali. Non basta conoscere e analizzare il problema, bisogna anche agire in sinergia affinché il processo di progettazione sia il più coerente ed efficace possibile, mettendo a frutto le capacità di ognuno.
In modo esemplificativo provate ad analizzare una questione molto concreta che permette, però, di intuire i diversi livelli di analisi di un problema e delle scelte che chiede di compiere. C’è uno spazio inutilizzato che con una minima sistemazione potrebbe diventare fruibile. La questione è a chi affidarlo valutando anche la questione economica, nonché la manutenzione ordinaria e il mobilio/ingombri necessari. Ci sono pro e contro. Essendo una simulazione le colone vanno riempite con considerazioni verosimili. Ciò che conta è il confronto di gruppo e la dinamica che porterà a una soluzione finale: a chi affidare lo spazio?

 

 

[/av_one_half]