Archivio per categoria: Ispettoria Italia – Sicilia (ISI)

Salesiani Sicilia, Don Stefano Martoglio presenta la strenna 2021

Dal notiziario dell’ispettoria Siciliana.

***

Il Movimento Giovanile Salesiano e la Famigli Salesiana di Messina, il 5 febbraio, organizza la presentazione della strenna 2021 “Mossi dalla Speranza”, il messaggio annuale di don Ángel Fernández Artime, successore di don Bosco. L’evento vedrà anche la presenza di don Stefano Martoglio, Vicario del Rettor Maggiore. Durante la presentazione sono previsti i saluti dell’Ispettore don Giovanni D’Andrea e dell’Ispettrice suor Maria Pisciotta.

L’appuntamento previsto per le 18.30, sarà trasmesso sul Canale a YouTube Salesiani Sicilia, grazie alla regia dell’Equipe Ispettoriale di Comunicazione Sociale.

L’incontro rientra nel programma dei festeggiamenti in onore di Don Bosco, che quest’anno sono stati rimodulati in una nuova versione per far fronte all’emergenza sanitaria.

Pierpaolo Galota

 

Palermo Ranchibile, le attività in sicurezza per offrire ai ragazzi un ambiente educativo

Riportiamo la notizia delle attività in corso al “Don Bosco Ranchibile” di Palermo che continuano a offrire, in sicurezza, un ambiente educativo.

***

La comunità dell’Istituto Salesiano “Don Bosco Ranchibile” di Palermo, nonostante il difficile momento attraversato a causa della pandemia, si è adoperata per mantenere le attività iniziate in precedenza secondo le norme previste dai vari DPCM: Basket, Volley, Calcio, Tiro con l’arco, Hwa Rang Do, Balli di gruppo, Chitarra, Ginnastica ritmica, Danza moderna, Capoeira, Ginnastica posturale, Pianoforte.

Conformemente a quanto stabilito dai vari decreti le varie attività vengono svolte all’aperto, con il mantenimento della distanza di sicurezza, in modo da offrire ai ragazzi l’opportunità di crescere e di sviluppare le proprie passioni in un ambiente educativo come il nostro.

Inoltre è consuetudine nel nostro oratorio tenere degli incontri di formazione tramite cui riflettere sulla propria fede e sull’appartenenza ad una comunità, garantendo una crescita spirituale e umana inerente al sistema educativo di don Bosco; anche ciò rientra nel rispetto delle direttive previste.

Un’altra iniziativa portata avanti dal nostro Istituto è il recupero scolastico (doposcuola) dedito ai ragazzi che frequentano la scuola primaria e secondaria di primo grado. In particolare questa proposta è estesa agli allievi del biennio della nostra scuola (liceo) che manifestano delle difficoltà; pertanto viene insegnato un metodo di studio valido ed efficace per l’apprendimento.

In conclusione i salesiani del “Don Bosco Ranchibile” assicurano ai ragazzi una crescita omnicomprensiva, per essere, come voleva Don Bosco, buoni cristiani, onesti cittadini e degni abitatori del cielo.

Marta Manzella e don Gabriele Cardaciotto, sdb

 

Dalla Sicilia, una riflessione che non ti aspetti: Don Bosco non esiste

Pubblichiamo la riflessione su Don Bosco di un salesiano della Sicilia, in occasione della festa del 31 gennaio.

***

Don Bosco non esiste senza Dio, perché è grazie al Padre che in Giovannino troviamo questo splendido accordo di natura e di grazia, è per merito del Figlio che don Bosco ebbe un modello da seguire; grazie alla spinta dello Spirito che riuscì a fare cose che chi gli stava affianco non poteva neanche immaginare

Don Bosco non esiste senza Maria, perché lui stesso, quasi al termine della vita dice “ha fatto tutto Lei”; è Lei che gli fa da maestra nella missione affidatagli nel sogno di 9 anni ed è sempre Lei a proteggerlo sotto il suo manto anche nelle situazioni più difficili

Don Bosco non esiste senza Giuseppe, perché dal padre putativo di Gesù egli impara l’arte del lavoro e dell’umiltà

Don Bosco non esiste senza santi, perché li prende ad esempio come ha fatto con San Francesco di Sales, Filippo Neri e tanti altri. Da chi lo aveva preceduto nella santità, don Bosco prende i tratti, le virtù e ne chiede l’intercessione; consapevole che il Buon Dio poteva compiere in lui le stesse meraviglie che aveva compiuto in altri santi, se avesse risposto Si alla Sua chiamata.

Don Bosco non esiste senza la famiglia: senza mamma Margherita, papà Francesco, i fratelli Antonio e Giuseppe, perché è la family che lo fa crescere anche quando il clima non è dei migliori, anche quando è costretto e rimboccarsi le maniche alla morte del padre. In particolare sarà proprio mamma Margherita la prima a parlargli di quel Dio; che dopo deciderà di seguire per tutta la vita.

Don Bosco non esiste senza don Cafasso, perché ha chiaro fin da subito quanto sia importante avere una guida spirituale, un amico dell’anima che conosce la combinazione del tuo cuore e ne ha accesso.

Don Bosco non esiste senza la sua confessione quindicinale, perché sa che per poter salvare le anime altrui è necessario che egli lavori a salvare anche la sua, di anima. Sa che la confessione è il luogo d’incontro con quel Padre misericordioso sempre disposto a venirgli incontro anche e nonostante le sue mancanze.

Don Bosco non esiste senza il Papa e la Chiesa, perché sa che nella fedeltà al successore di Pietro, chiunque esso sia, ed alla Chiesa che Cristo ha costituito vi è la salvezza, anche quando vi sono incomprensioni.

Don Bosco non esiste senza i suoi sogni, perché sono essi, alle volte, a fargli da “apripista” nelle situazioni più difficili. Essi sono carezze del Buon Dio per lui, carezze che lo invitano a non fermarsi, a puntare in alto a sognare e a far sognare, oggi come allora.

Don Bosco non esiste senza le sue lacrime, perché la vita non gli ha sorriso sempre, ha vissuto momenti di sconforto e di abbandono ma non ha mai lasciato che le lacrime avessero l’ultima parola: questa spettava a Dio ed alla Sua Provvidenza, che non l’hanno mai lasciato.

Don Bosco non esiste senza la preghiera, perché come diranno molti suoi studiosi viveva “come se vedesse l’invisibile”; certo è che la sua preghiera non terminava in Chiesa, ma che si protraeva nel cortile dell’oratorio, a mensa, nei laboratori, a scuola. Era certo che Dio parla nelle situazioni del quotidiano ed è proprio in questo tratto che oggi lo possiamo chiamare “contemplativo nell’azione”.

Don Bosco non esiste senza i suoi salesiani, perché comprende che nella missione giovanile è necessario che ci sia una comunità che educhi e che testimoni la propria vita. Avere dei fratelli con cui condividere tutto, le gioie ed i dolori; consapevole che  vivere e lavorare insieme è un’esigenza fondamentale.

Don Bosco non esiste senza i suoi collaboratori siano essi sacerdoti o laici, perché il nostro Giovanni sa che ha bisogno di tutti, che da solo può fare molto ma che insieme può andare lontano. Non ha paura a chiedere una mano quando non ce la fa, anche se vuole dire umiliarsi.

Don Bosco non esiste senza i giovani, perché ad essi ha dedicato tutta la sua vita, per essi si è speso fino all’ultimo respiro senza sosta e sempre con gioia.

In questo giorni di gioia e di festa in cui ricordiamo il nostro padre don Bosco, non possiamo dimenticare che egli è stato “sarto” certamente, ma anche “stoffa” nelle mani del Buon Dio. Ricordare solo don Bosco sarebbe troppo riduttivo per noi, oggi suoi figli; egli con la sua vita ci stimola a fare altrettanto; ci stimola a fidarci e rispondere con cuore sincero al progetto d’amore che il Signore ha per ciascuno di noi e che potrà renderci veramente beati. Sia la festa di don Bosco non solo motivo di riconoscenza e affetto ma anche stimolo per camminare insieme a lui al seguito di Cristo verso il premio più importante da vincere in questa vita: il paradiso.

don Stefano Cortesiano, sdb

Video realizzato da don Alessio Tavilla, sdb

 

 

“Mai fermi, è stato un anno di benedizione”: l’oratorio di Gela raccontato da Avvenire

Pubblichiamo l’articolo di Avvenire, a firma di Marco Pappalardo, dove si racconta l’esperienza dell’oratorio di Gela, in un periodo di fermo per molte attività tipiche degli oratori.

***

«Connessi ma sempre presenti» e «Nemmeno la pandemia ci ferma!» sono lo slogan e il grido dei giovani dell’oratorio salesiano San Domenico Savio di Gela, in provincia di Caltanissetta, che non hanno smesso di incontrarsi e continuare i cammini formativi. La dinamica è sempre la stessa: appuntamento nel pomeriggio in attesa del link per accedere alla piattaforma e collegamento, insieme più di 100 volti; poi ciascun gruppo fa il proprio
momento formativo con gli animatori. «Si apre per noi un anno vocazionale – dice don Alfredo Michele Calderoni, direttore dell’oratorio – per diversi eventi di grazia: alcuni giovani animatori iniziano il lavoro da sempre sognato, la nascita di alcuni bambini tra i cooperatori o tra gli animatori, la preparazione a un’ordinazione sacerdotale nel nostro cortile e quella a una professione religiosa di un giovane cresciuto qui, un 50esimo di ordinazione, le nozze di
giovani coppie di animatori, e chissà cosa ancora ci riserva il Signore in questo tempo particolare». Pur a distanza si percepisce che quest’anno è più intenso il senso di famiglia tra gli animatori, gli adulti, i ragazzi e la comunità religiosa. Ogni gruppo di giovani vede la presenza di almeno quattro salesiani a tempo pieno, coinvolti nella preparazione degli incontri e nei diversi gruppi, «amando ciò che amano i giovani», come raccomandava san Giovanni Bosco. «Fra poco ci prepariamo a vivere la festa del nostro santo – continua don Alfredo seppur dietro lo schermo; una veglia in cui i giovani saranno i protagonisti e, come ogni domenica, la celebrazione eucaristica che fino a oggi è stata sempre animata da loro. Li ho visti crescere nella responsabilità e nella maturità. Non buttiamo nulla di quest’anno e ci auguriamo che “andrà tutto nuovo”!».

Dalla Sicilia al Senegal per costruire un oratorio in nome di Don Bosco

Pubblichiamo un articolo uscito su Avvenire, a firma di Marco Pappalardo, sulla storia di Carmelo Sella, volontario muratore in Senegal con l’associazione “Don Bosco 2000”.

***

Ha 70 anni Carmelo Sella ed è di Piazza Armerina, una cittadina di ventimila abitanti nel cuore della Sicilia, in  provincia di Enna. È il figlio più piccolo di dieci, sei maschi e quattro femmine. Il padre, Agostino, aveva una fornace dove già dagli anni Trenta realizzava tegole di argilla. Carmelo sin da bambino stendeva le tegole al sole per farle asciugare, raccogliendole ed accatastandole quando erano asciutte al punto giusto. In quel tempo i figli erano vera e
propria forza lavoro, un po’ come avviene oggi in Africa. Sì, proprio l’Africa, perché Carmelo da alcuni giorni è andato in Senegal insieme ad un altro muratore, Roberto Minacapilli, con lo scopo di costruire un oratorio in un villaggio sperduto della savana, di nome Velingara, nella regione di Tambacounda, una parte poverissima del Paese, dove si vive e sopravvive con meno di due dollari al giorno.

Poteva starsene tranquillo, Carmelo, peraltro in periodo tanto difficile e considerata la sua età, e godersi la famiglia. La moglie e i sei figli, cinque naturali ed una figlia adottiva, accolta tredici anni fa grazie ad un percorso di fede nella sua parrocchia. Ma proprio lo stile dell’accoglienza respirato e vissuto a casa l’ha portato a partire senza indugio e con lo stesso spirito determinato di quando aveva quindici anni: «Da ragazzo ho cominciato a lavorare come muratore e da allora non mi sono più fermato fino alla pensione a cui sono arrivato lo scorso anno. Nella mia vita ho lavorato in centinaia di cantieri, tuttavia questo è veramente speciale; mentre lavoro, sono circondato da decine di bambini che sorridono e si divertono».

Il progetto in cui si è inserito con entusiasmo è dell’associazione “Don Bosco 2000”, una realtà che fa accoglienza in Italia, in particolar modo in Sicilia, con iniziative concrete di cooperazione circolare in Senegal e Gambia. «Sono venuto in Africa la prima volta tre anni fa con l’associazione, per aiutarli a realizzare degli orti sociali che ora sono abbastanza fiorenti, offrendo cibo agli abitanti del villaggio, ma anche sostentamento economico grazie alla vendita dei prodotti nel territorio vicino – racconta – Sono rimasto colpito dal calore della popolazione di questa terra, soprattutto dal sorriso dei bambini. In questa zona vivono secoli indietro purtroppo! I bambini camminano scalzi nella savana, hanno i vestiti strappati, rispetto ai nostri figli e nipoti non possiedono veramente nulla, eppure sono sempre sorridenti, giocano con le palle di stoffa, non li vedo mai tristi. Sembrano più felici dei nostri che vivono nella ricchezza con vestiti, giochi e cellulari».

Dove è possibile “Don Bosco 2000” riaccompagna i migranti, accolti dopo gli sbarchi negli anni in Sicilia, nei loro villaggi di origine per aiutarli a creare start up agricole e piccoli allevamenti di polli. Negli stessi propone progetti di educazione sostenibile entrando in contatto con le comunità locali. In questo ambito realizza pure missioni estive con giovani volontari salesiani e da qui l’idea di costruire con le mani, con l’abilità e con la generosità di Carmelo un oratorio dedicato a Don Baldassare Meli, salesiano morto lo scorso anno prematuramente, che negli anni Ottanta ha cominciato ad accogliere migranti nel centro di Santa Chiara a Palermo. «Il sogno di Don Meli era quello di andare in missione in Africa, ma il Signore lo ha voluto impegnato in territori altrettanto di frontiera della nostra terra siciliana; ora con il mio lavoro posso aiutarlo a realizzarlo».

La “Tessera preziosa del Mosaico Palermo” a don Enzo Volpe

Pubblichiamo l’articolo di Insieme, il notiziario dell’ispettoria della Sicilia sull’onorificenza data a don Enzo Volpe della casa di Santa Chiara di Palermo da parte del sindaco Leoluca Orlando.

***

Il sindaco del Comune di Palermo Leoluca Orlando ha conferito la «Tessera preziosa del mosaico Palermo» al direttore della Comunità “Casa Santa Chiara”, don Enzo Volpe, durante la cerimonia che si è tenuta lunedì 4 gennaio a Palazzo delle Aquile.

La tessera è una delle onorificenze più alte che la città di Palermo assegna a cittadini e cittadine, associazioni o realtà ecclesiali che si sono contraddistinte, con passione e professionalità, dando il proprio contributo al tessuto sociale della città, nell’ottica del percorso di costruzione della comunità, attenta alle persone fragili, pronta ad accogliere e ad accompagnare la realizzazione di progetti di vita.

«Ancora una volta – ha dichiarato il sindaco Orlando – il conferimento delle tessere preziose conferma la straordinaria vivacità sociale e istituzionale della nostra città chiamata a realizzare il rispetto della persona umana e a costruire comunità. Le tessere preziose del mosaico Palermo sono la migliore concreta e quotidiana risposta agli egoismi individualistici e alla soffocante appartenenza a gruppi chiusi».

La Comunità ha accolto con emozione il riconoscimento dato a Don Enzo. Nella motivazione si legge: «Attento ai bisogni dei poveri e alla formazione dei giovani». Nel profilo Facebook di don Domenico Luvarà si legge: «Ieri è stata una giornata significativa e memorabile per la Comunità “Santa Chiara”. Don Enzo Volpe, direttore e animatore della nostra Comunità Educativo-Pastorale, ha ricevuto dal primo cittadino di Palermo il riconoscimento “Tessera Preziosa del Mosaico Palermo” per il servizio educativo, formativo, pastorale e sociale che la nostra opera svolge nei confronti dei ragazzi, dei giovani e delle famiglie nel territorio Albergheria».

Dopo aver ricevuto l’onorificenza, Don Enzo ha ringraziato il Sindaco a nome della Comunità Santa Chiara per la Tessera Preziosa, ed ha affermato “che è il frutto di tutto quello che c’è dietro. Faccio semplicemente qualche nome perché davvero in città hanno dato la vita per i più poveri: Don Rocco Rindone, Don Ninì Scucces e Don Meli. Poi chiaramente tutti gli altri confratelli che sono passati e che hanno lavorato in Comunità; tanti laici, tanti volontari. Santa Chiara è una Comunità di riferimento dove la cosa più importante non è l’assistenza soltanto, che purtroppo può diventare assistenzialismo, ma è trovare una casa, un riferimento di famiglia. Il riconoscimento è riprodotto e rimandato a tutte queste persone e a quelle che verranno dopo, perché sia ancora e sempre Santa Chiara, e tutti quelli che lavoreranno e che sono presenti a Santa Chiara, un tassello importante per il bene di questa città. Grazie Sindaco di questo riconoscimento per la nostra casa, per la nostra Comunità”.

Sono state tante le manifestazioni d’affetto, di amicizia e di sostegno nei confronti di Don Enzo e della Comunità Santa Chiara, pervenute da tutta la Sicilia Salesiana e non solo.

L’augurio è quello di continuare a contribuire con il proprio lavoro, con la propria missione e con una presenza profetica e creativa a costruire e generare vita e speranza nel territorio dell’Albergheria, attraverso i valori della solidarietà e fraternità.

Istituto Teologico San Tommaso, l’inaugurazione dell’anno accademico in streaming

Si è svolta il 27 novembre in diretta sul canale YouTube della Facoltà, l’inaugurazione dell’anno accademico 2020/2021 dell’Istituto Teologico San Tommaso di Messina. Sono intervenuti, online: don Giovanni Russo, direttore dell’Istituto Teologico e della Scuola di Specializzazione di Bioetica e Sessuologia; don Giovanni d’Andrea, Ispettore dei Salesiani di Sicilia e Tunisia; S. E. Monsignor Giovanni Accolla, Arcivescovo di Messina – Lipari – Santa Lucia del Mela; don Antonio Escudero, Ordinario di Teologia Dogmatica e Decano della Facoltà di Teologia dell’UPS di Roma.

 

L’oratorio, la nostra cura: le attività online in tempo di pandemia del centro di Gela

Da Insieme – il notiziario dell’Ispettoria Sicula.

***

È stato difficile abituarsi alla brutta situazione che abbiamo iniziato a vivere lo scorso marzo, eppure ci siamo riusciti, ci siamo fatti portatori di speranza con l’esperienza estiva del Grest dove, nel rispetto di tutte le normative, il nostro Oratorio ha proposto le sue attività in modo differente rispetto agli altri anni ma con lo stesso spirito di fraternità e amore per il Signore. A settembre, allo stesso modo, siamo ripartiti con le proposte dei gruppi formativi e con la catechesi, facendo i primi incontri in presenza e provando a dare un maggiore senso di normalità a tutto ciò che facevamo in Oratorio. Adesso, però, la nostra città vive nuovamente un brutto periodo che ci ha costretti, rimanendo coerenti alle ordinanze del sindaco, a tornare alle attività di formazione online, mantenendo come unico momento in presenza la celebrazione Eucaristica della domenica.

Nonostante questo, l’Oratorio non ha mai smesso di esserci per noi giovani che, seppur online, ci siamo sentiti vicino ai nostri animatori, ai Salesiani e a Dio. Per tutti i giovani dell’Oratorio la proposta delle attività online rappresenta comunque un grande sacrificio, soprattutto dopo una giornata intera di scuola dietro uno schermo, ma questo stesso sacrificio è un qualcosa che facciamo con tutto il cuore. È un passo necessario che ci permette di entrare nel nostro cortile in modo differente, un cortile che, rimanendo vuoto fisicamente, si colora in modo virtuale con i nostri sorrisi che da dietro uno schermo non dobbiamo nascondere con la mascherina. T

utti noi da casa stiamo apprezzando e stiamo dando maggiore valore a tutto ciò che facevamo in Oratorio, che prima di tutto questo ci sembrava così scontato. Lo stesso Oratorio che però non ha mai smesso di essere la nostra casa e che non ha mai smesso di attenderci con le braccia aperte. Infatti, grazie al lavoro svolto dai ragazzi del servizio civile, in questo periodo di pausa, l’Oratorio sta diventando più accogliente, con disegni di Don Bosco e decorazioni con colori accesi e speranzosi. Questo rappresenta per certo la visione positiva della nostra comunità che, nonostante la negatività del periodo, riesce a trarre qualcosa di buono da questo momento, dove tutto intorno a noi è fermo, cercando di rendere il più caloroso possibile il nostro ritorno tra le mura del nostro Oratorio.

Emanuele Di Dio

Salesiani Gela, una veglia con le famiglie sulla Santità Giovanile

Pubblichiamo dal sito di ANS, la notizia della veglia dei Salesiani di Gela organizzata il 31 ottobre sul tema della Santità Giovanile.

***

Gela, Italia – ottobre 2020 – Il 31 ottobre i giovani dei gruppi formativi dell’Oratorio Salesiano “San Domenico Savio” di Gela e il gruppo “Giovani Famiglie”, hanno dato vita a una Veglia sulla Santità Giovanile. Il tema della Veglia è stato “Dream Holy Dreams” a ricordare che i Sogni e la Santità devono essere compagni di viaggio nella vita di un giovane. A presiedere la Veglia è stato don Alberto Anzalone, Delegato per la Pastorale Giovanile dell’Ispettoria della Sicilia e Tunisia (ISI) e ad animarla sono stati gli stessi ragazzi che, con musica dal vivo, hanno reso speciale questo momento di grazia. Presente anche don Dario Spinella, Animatore Vocazionale e per le Missioni. Tre i momenti centrali della veglia, alternati a testi e canti sulla vita del beato Carlo Acutis: la presentazione della vita del neo-Beato; l’adorazione eucaristica; le confessioni individuali. L’evento si è svolto al “PaladonBosco” per riuscire a garantire il distanziamento sociale.

Sicilia, inizia il cammino della Scuola di Mondialità e di Giovani in cammino

In Sicilia, il 10 e 11 ottobre, si è svolto il primo incontro del cammino della Scuola di Mondialità. Pubblichiamo l’articolo di resoconto di Angela Caradonna, Salesiana Cooperatrice di Marsala.

***

Si è svolto nel weekend del 10 e 11 ottobre il primo incontro congiunto della Scuola di Mondialità e di Giovani in Cammino, al quale hanno preso parte circa 60 giovani provenienti da tutta la Sicilia Salesiana.
Nonostante le incertezze collegate all’evolversi della Pandemia, grazie, da una parte, al lavoro delle due equipe guidate dai Delegati SdB ed FMA della Pastorale Giovanile e delle Missioni e, dall’altra, alla splendida accoglienza degli amici della Colonia Don Bosco di Catania, il gruppo ha trascorso due giorni sereni e significativi, nel rispetto di tutte le regole sul distanziamento sociale.

Per entrare nel vivo del tema dell’anno “Nel cuore del mondo”, dopo l’accoglienza e la preghiera iniziale del Sabato pomeriggio, il gruppo ha potuto ascoltare la testimonianza di Sefora Motta, giovane filmmaker, reporter, autrice di documentari, fondatrice dell’associazione missionaria “HPS Charity” acronimo di “helping people to see”, un’organizzazione missionaria concentrata sulla valorizzazione degli ultimi che opera nelle zone più diseredate dell’Africa per fini solidali. Il primo pomeriggio si è concluso con alcuni momenti di confronto, in piccoli gruppi, sulla testimonianza di Sefora. Dopo la cena non è mancato lo spazio per la fraternità, distanziata ma super divertente!

La giornata di domenica è stata dedicata a momenti separati per i due cammini: in particolare, i partecipanti di “Giovani in Cammino”, dopo un momento di deserto e riflessione personale, hanno lavorato in laboratorio approfondendo la tematica della missione nel cuore del mondo, a partire dalla propria identità cristiana e dal Battesimo fino a giungere alla missione comunitaria e della Chiesa ed elaborando il “Decalogo del buon cristiano in stile salesiano”.
La Scuola di Mondialità ha, invece, presentato il percorso tematico dell’anno incentrato sulla Laudato Sì e sulla crisi ecologica integrale ed ha dedicato spazio alle testimonianze di alcune ragazze – Benedetta, Rosaria e Alessia – che durante l’estate 2020 hanno partecipato al Campo Missionario nella città di Alcamo.

Non sono mancate altre proposte ed iniziative, tra le quali il lancio di una challenge in occasione della prossima giornata mondiale missionaria, in programma per Domenica 18 Ottobre, per sensibilizzare i giovani alla tematica della missione. La due giorni si è conclusa con la celebrazione dell’Eucaristia. Ritrovarsi in presenza è stata una gioia grande che ha fatto sentire, a tutti ed a ciascuno, la necessità di imparare a vivere questo tempo in modo nuovo, rinunciando ai baci ed agli abbracci, ma senza perdere occasioni di incontro e di confronto creativo soprattutto attraverso i percorsi Ispettoriali proposti.
L’arrivederci, per i giovani della Scuola di Mondialità, al 7 novembre e per i Giovani in Cammino al 19 e 20 dicembre.