Articoli

Biblioteca Digitale Salesiana: musica per le feste salesiane di gennaio, e non solo

La Biblioteca Digitale Salesiana (SDL, nel suo acronimo inglese) ospita numerosi materiali utili e d’interesse sopratutto per il mese di gennaio. Da un semplice sguardo alla pagina di riferimento su SDL si possono trovare Inni e Canoni (Mantras), o brevi responsori per le varie figure di santità già elencate. Di seguito l’articolo ANS.

***

Gennaio è il mese più impegnativo per le celebrazioni salesiane dei Santi e Beati della Famiglia Salesiana. Si comincia con il Beato Titus Zeman, l’8 gennaio, e si prosegue poi con il Beato Luigi Variara, il 15; la Beata Laura Vicuña, il 22; e San Francesco di Sales, il 24 – particolarmente importante in quest’anno in cui su celebra il 400° anniversario della sua morte –. E non è finita qui: perché il 30 quest’anno cade di domenica, ma non bisogna dimenticare il Beato Bronislaw Markiewicz; e, ovviamente, il 31 si celebra San Giovanni Bosco!

Bene, forse non tutti i lettori sono consapevoli che in rete sono disponibili dei brani musicali per il proprio liturgico di ognuna di queste figure di santità.

La Biblioteca Digitale Salesiana (SDL, nel suo acronimo inglese), infatti, ospita numerosi materiali utili in tal senso. Attualmente la selezione più ricca è indubbiamente quella per i lettori/cantori di lingua inglese, seguita dalla collezione di brani in italiano. Le versioni in altre lingue sono invece ancora da popolare, ma questa può essere proprio l’opportunità per favorire la condivisione di simili materiali, inviandoli all’amministratore del sito SDB.org – admin@sdb.org

Intanto, da un semplice sguardo alla pagina di riferimento su SDL si possono trovare Inni e Canoni (Mantras), o brevi responsori per le varie figure di santità già elencate.

Le melodie, e occasionalmente le armonie, elencate nella sezione inglese sono tutte opera di “un salesiano”, come predilige definirsi l’autore, preferendo rimanere in incognito per non distogliere in alcun modo l’attenzione dal dare gloria a Dio attraverso la sua abilità musicale. La sua speranza è che questo suo servizio incoraggi altri, in inglese o in qualsiasi altra lingua, che hanno scritto musica “salesiana”, a condividere i loro sforzi.

Mentre i materiali per gennaio sono già stati completamente inseriti in questa raccolta, e nonostante il fatto che le altre musiche per le altre celebrazioni successive siano già pronte, i brani per le memorie dei prossimi mesi devono essere ancora caricati sul sito.

I lettori sono invitati a frequentare con regolarità la Biblioteca Digitale Salesiana, e in particolare la sezioni relative ai documenti musicali, per trovare di volta in volta le novità che verranno progressivamente messe a disposizione.

Dalla Sicilia: “Acqua su Marte” il nuovo singolo dei DB Sons

Pubblichiamo la notizia della nuova canzone dei DB Sons, gruppo di giovani salesiani che utilizza la musica per far riflettere su temi attuali. L’articolo lo ha scritto Giuditta Garufi.

***

Prima o poi ognuno di noi si accorge di sentire la necessità di trasformare ciò che prova dentro di sé in qualcosa di concreto. Il mezzo attraverso cui farlo può assumere varie forme, ed è qui che entrano in gioco i DB Sons, piccolo gruppo di giovani salesiani che – in collaborazione con animatori provenienti da varie case salesiane della Sicilia (e non solo) – hanno deciso di comunicare e far riflettere attraverso la musica.

Acqua su Marte” è il titolo della loro recentissima canzone, concepita in un periodo di particolare solitudine, il lockdown, e frutto di una riflessione – quasi un’esigenza – personale del giovane SdB Emanuele Geraci, autore di testo e musica originali.

Il brano in questione sollecita chiunque lo ascolti a sfruttare in maniera proficua quegli istanti di solitudine che affrontiamo nel corso della nostra vita, affinché possiamo conoscere realmente noi stessi e, di conseguenza, avere la possibilità di donarci agli altri e amarli al top delle nostre capacità.

Tra le righe di “Acqua su Marte” troviamo, inoltre, un’esortazione a riscoprire l’importanza dell’“altro”nella propria vita; un “altro” che può assumere le molteplici sfumature scelte da chiunque clicchi play e si immedesimi nelle parole di questa canzone, in base alla propria età, alla propria esperienza, al proprio mood.

È proprio per rimarcare la riflessione che circola all’interno di questa canzone che la scelta del titolo ricade su “Acqua su Marte”: un qualcosa di più unico che raro, praticamente introvabile, da considerare un tesoro prezioso se “scoperto”, proprio come il nostro “altro”.

Nonostante in origine il pezzo fosse stato ideato da una sola persona, è stato grazie ad una collaborazione tra più cuori e l’unione delle loro idee che “Acqua su Marte” ha assunto le sembianze della canzone che tutti noi oggi conosciamo. Come avvenuto già in precedenza, infatti, alla realizzazione concreta di questo brano hanno preso parte Giuseppe Priolo, Floriana Bonura ed Emanuele Geraci (voci), Simone Palumbo (chitarra elettrica), Erika Perrone (violino), Vincenzo Costa (batteria), Angelo Di Chiara (tastiera) e Giorgio Arcoraci, Vincenzo Costa ed Emanuele Geraci (chitarre), con i quali si è formata una piccola band, in quanto accomunati dalla convinzione che la musica rappresenti un mezzo efficace per comunicare qualcosa agli altri. È per questa ragione che i DB Sons hanno già in mente dei progetti per il futuro nel fiorente campo della musica, affinché esperienze come questa non rimangano isolate tra loro.

Ad oggi, “Acqua su Marte” è disponibile su tutte le piattaforme digitali di musica, grazie alle quali possiamo ascoltarla in loop, in attesa dell’uscita del video ufficiale su YouTube, le cui riprese sono previste a Ragusa per fine settembre, e che vedranno protagonisti alcuni ragazzi dell’oratorio salesiano “San Giovanni Bosco” del Ranchibile di Palermo e del “Gesù Adolescente” di Ragusa.