Articoli

ADMA: “l’inno della Mamma Celeste risuona in tutto il Mondo” – Testimonianze

In seguito alla festa di Maria Ausiliatrice da poco conclusa, l’Associazione di Maria Ausiliatrice ADMA ha raccolto alcune testimonianze da tutto il mondo su come è stata vissuta questa felice ricorrenza. Tra le realtà salesiane interpellate troviamo il Burandi, l’Ucraina e l’Argentina. Di seguito l’articolo gentilmente fornito dall’ADMA.

***

“Anche noi abbiamo festeggiato la Festa Patronale della nostra casa intitolata a Maria Ausiliatrice con la S.Messa e una processione con il quadro di Maria Ausiliatrice, così la padrona di casa ha potuto vedere tutte le sue proprietà e benedire la città di Kiev, cuore dell’Ucraina”.

Questo il saluto che ci è giunto con gioioso affetto dall’Ucraina, così come da tanti fratelli e sorelle appartenenti ai diversi gruppi della Famiglia Salesiana sparsi nel mondo, dal Burundi all’Argentina.

Ancora una volta constatiamo come Maria nostra Madre, fonte delle gioie e sostegno nei travagli di questi tempi, non abbandoni nessuno dei Suoi figli riscaldando il cuore con il suo affetto e suscitando pensieri di gratitudine da tutta la Sua numerosa famiglia.

Anche nella festa di Maria Ausiliatrice di quest’anno abbiamo vissuto l’unità e la vicinanza al cuore di don Bosco, che continua ad essere per tutti noi Maestro ed Amico nell’indicarci il cammino delineato e sostenuto dalle due colonne, Maria e Gesù.

Al termine di quanto vissuto in queste giornate di Festa e con il cuore colmo di gioia per le eco giunte da tutto il mondo, non possiamo che dirci grati perché “Ha fatto tutto Lei” e affidati, nella certezza che “Farà tutto Lei”!

Sanctuaire Marial de Buterere Bujumbura – Burundi

Casa Salesiana Maria Ausiliatrice di Kiev – Ucraina

Basilica Maria Auxiliadora y San Carlos – Buenos Aires

Disponibili online alcuni materiali storici sul futuro santo Artemide Zatti

Dall’Agenzia d’Informazione Salesiana ANS – L’Archivio Storico Salesiano dell’Ispettoria “Beato Zeffirino Namuncurá” dell’Argentina Sud ha deciso di mettere a disposizione della Famiglia Salesiana e della comunità di ricerca, una serie di materiali sul beato e prossimo santo Artemide Zatti, al fine di favorire la divulgazione della sua vita e della sua opera. Sebbene queste informazioni siano sempre state disponibili, a motivo della recente approvazione da parte di Papa Francesco di un miracolo che lo porterà alla proclamazione come santo, i lavori archivistici sono stati potenziati.

Questi materiali (testi, fotografie, iconografie e cartoline), che rappresentano un punto di partenza per conoscere Artemide Zatti e lasciarlo parlare alla propria vita, sono una raccolta di materiali storici del suo lavoro pastorale e professionale a Viedma, nella Provincia di Río Negro, Patagonia, Argentina, conservati nella sede di Bahía Blanca dell’Archivio Salesiano.

Questo mini-sito web è stato concepito affinché storici, ricercatori, catechisti, coordinatori pastorali, insegnanti e altre persone interessate all’argomento possano avere a portata di mano questi materiali, che permetteranno loro di conoscere meglio Artemide Zatti. Ma non è tutto: nel corso del tempo, l’équipe dell’Archivio Storico Salesiano continuerà a caricare e aggiungere a mano a mano altri materiali.

Forte di un’esperienza pluriennale nella conservazione del patrimonio storico della Congregazione nella propria realtà locale, (nel 1956 sono stati fondati l’Archivio Storico della Patagonia del Nord, con sede a Bahía Blanca, e l’Archivio Centrale Salesiano, con sede presso la Casa Ispettoriale di Almagro), l’attuale Archivio Storico Salesiano dell’Argentina Sud organizza e conserva i documenti prodotti dall’Ispettoria, per preservare e valorizzare, anche attraverso la diffusione, quelle fonti che registrano il passato salesiano in Argentina, dall’arrivo dei primi missionari inviati da Don Bosco nel 1875, fino ai giorni nostri.

Ogni anno centinaia di ricercatori e studenti passano per le sue due sedi per ripercorrere quasi 150 anni di storia salesiana in Argentina.

Chi è interessato a collegarsi al sito dell’Archivio Storico Salesiano, può farlo da qui.

Il sogno missionario di Don Bosco: dall’11 novembre 1875 ad oggi

Tutto cominciò con un sogno. A 19 anni Don Bosco desiderava andare in missione, ma non poté. Poi, Dio, gli mando il SUO sogno:

«Mi parve di trovarmi in una regione selvaggia e totalmente sconosciuta. Era un’immensa pianura incolta, nella quale non si scorgevano né colline né monti. Nelle estremità lontanissime, però, si stagliavano scabrose montagne…».

(Dal sogno missionario di Don Bosco)

Un video che ripercorre il sogno missionario di Don Bosco: dall’11 novembre 1875 dove nella basilica torinese di Maria Ausiliatrice don Giovanni Bosco benediceva la prima spedizione missionaria salesiana – destinazione Argentina e Patagonia – capitanata da don Giovanni Cagliero, fino ai nostri giorni.