Salesiani Cooperatori Emilia Romagna e San Marino: “L’appartenenza all’associazione è opportunità di santità”

Domenica 24 marzo si è svolta a Forlì la Giornata del Salesiano Cooperatore dell’Emilia Romagna San Marino, sul tema dell’anno “La santità anche per te”. Il motivo per cui queste giornate sono momenti irrinunciabili nella vita di ogni provincia l’ha spiegato molto bene il Coordinatore Mondiale Antonio Boccia nel suo intervento: “Nell’associazione siamo con-vocati a seguire Cristo vivendo da laici lo spirito salesiano, il servizio per il bene dei giovani passa anche attraverso il nostro camminare insieme come famiglia. Lo stare nell’associazione diventa essere e matura nella corresponsabilità. In questo dinamismo – conclude Boccia – l’appartenenza è un’opportunità alla santità“.

In questa chiave, i vari momenti della giornata sono istanti da vivere e assaporare, con amore: la preghiera preparata con cura da un centro, la fantasia del pranzo condiviso, lo scambio affettuoso delle notizie di casa, la Celebrazione Eucaristica nel cuore della giornata, la voglia di rimanere a fare qualche chiacchiera in ogni momento disponibile.  È in questi momenti che risulta evidente la diversità che è ricchezza quando condivisa… l’entusiasmo nelle parole di chi ha fatto la promessa due mesi fa, il desiderio di imbarcarsi dei più giovani e quello di non tirare i remi in barca dei meno giovani, la gratitudine per la fedeltà e il mettersi in gioco dando fiducia al nuovo.

Uno dei momenti più emozionanti della giornata è stato senza dubbio il collegamento con i salesiani cooperatori di Aleppo, grazie a un cooperatore di quel centro che da anni appartiene alla nostra provincia. Raccontano una normalità che non ci possiamo aspettare dalle notizie dei media e la voglia tenace di ricostruire una vita nuova, come suggerisce anche un bel gruppo di aspiranti. Quello che colpisce è la loro testimonianza nel sentirsi raggiunti da benedizioni speciali, anche perché la casa salesiana non ha subito danni, e la vicinanza nella preghiera reciproca di tanti fratelli, in particolare del Sud Sudan, popolazione martoriata anch’essa dalla guerra. Colgono l’occasione di invitare ad andare a trovarli, invito rivolto personalmente anche al coordinatore mondiale, che rilancia a settembre, quando in Libano ci sarà il primo congresso del Medio-oriente.

Così questa giornata rilancia ognuno di noi, quando si torna nei propri centri e nelle proprie realtà, con un po’ di consapevolezza in più, forse qualche domanda, e la percezione di non essere da soli, perché ci si conosce un po’ meglio dopo esserci ritrovati. Quando i più giovani sono contenti di esserci stati e qualcuno saluta dicendo “dovremmo vederci più spesso!” significa che, nonostante gli imprevisti e i margini di miglioramento, è stata davvero una semplicemente preziosa domenica passata in famiglia.

Margherita Pietrogrande, segretaria Associazione Salesiani Cooperatori Regione Italia, Medioriente e Malta

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *