La Don Bosco story sui muri di Valdocco

<p class=”m_8798249041203146592m_-1140465828481718137yiv3385461389msonormal”>Dopo due settimane di lavoro, le bombolette spray di Mr. Wany torneranno nelle loro valigie per confrontarsi con nuovi muri. Su quelli all’angolo fra via Maria Ausiliatrice e via Cigna che circondano la Casa Madre dei Salesiani a Valdocco, rimarrà l’impronta dello <em>street artist</em> brindisino, che ha creato <strong>nuove connession</strong>i fra i Figli di Don Bosco e il territorio in cui è nata l’esperienza degli oratori e delle scuole professionali.</p>
<p class=”m_8798249041203146592m_-1140465828481718137yiv3385461389msonormal”>Dedicati al 150° anniversario di consacrazione della Basilica di Maria Ausiliatrice, i<strong> 170 metri quadri di graffito</strong> hanno suscitato reazioni non solo nei i giovani, legati, per motivi generazionali, alla cultura dell’hip hop e della street art, ma anche nei residenti e nei visitatori di Valdocco,  – entusiasti della performance figurativa di Mr. Wany, e valorizzato un angolo di quartiere che apre alla Torino dei problemi sociali ma anche della <strong>solidarietà attiva</strong>.</p>
Continua a leggere la notizia qui: <a href=”http://www.salesianipiemonte.info/la-don-bosco-story-e-finita-ma-continua-a-vivere-sui-muri-di-valdocco/”>http://www.salesianipiemonte.info/la-don-bosco-story-e-finita-ma-continua-a-vivere-sui-muri-di-valdocco/</a>

&nbsp;

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *