“Io lo so cosa significa attraversare il mare”: l’accoglienza raccontata e testimoniata a Santeramo (Bari)

Un sabato pomeriggio, una partita a calcio … Fino a qui sembra una giornata qualunque nell’oratorio di Santeramo a Bari, ma c’è una squadra di ragazzi mai visti prima, con una divisa colorata di cui vanno fieri: provengono dal Camerun e hanno qualcosa da dirci. Dopo una vivace partita, organizzata dalla PGS e dal gruppo missionario dell’oratorio, con la collaborazione della parrocchia “Sacro Cuore” di Santeramo, gli amici del Camerun ci hanno donato un pezzo della loro storia in un incontro aperto a tutta la comunità.

Sentiamo continuamente parlare di accoglienza, integrazione, migranti, ma molto spesso ci riduciamo a numeri e dati che non contano più quando capita di guardare negli occhi,  ascoltare la storia di qualcuno che ha un nome e un cognome. Giovani che hanno rischiato il tutto per tutto, che sono partiti “quando il mare sembrava più sicuro della terra”  adesso sono nel nostro Paese e sono aperti al dialogo, al confronto, allo scambio. Non è stato difficile, è bastato un pallone, una bella partita, una chiacchierata e infine una testimonianza che ha insegnato, letteralmente “segnato dentro”, ciascuno. Il bello dell’accoglienza, come faceva notare uno dei ragazzi del Camerun, è che, diventa tale solo quando è a due direzioni: accogliere significa aprirsi all’altro e lasciare che l’altro si apra te. Bisognerebbe imparare a dare valore a tutte le culture, a partire dalla propria, come ricordava un altro giovane, ma, non credere mai che la propria cultura o una qualsiasi possa essere superiore a un’altra. Durante la testimonianza, c’erano persone di tutte le età, completamente diverse le une dalle altre, ma tutte animate dalla curiosità e dalla certezza che c’è qualcosa che va oltre i numeri, le notizie, le testate giornalistiche. Dietro questi giovani c’è davvero un mondo da scoprire ed è stato bello avere la possibilità di esplorarne una parte.

Ludovica Plantamura, oratorio Santeramo

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *