A Valdocco l’incontro dei delegati di Pastorale giovanile e Animazione missionaria dell’Europa Nord e Mediterranea

Dal 4 al 9 febbraio, nella casa Madre di Torino-Valdocco, si è svolto l’incontro dei Delegati di Pastorale Giovanile (PG) e Animazione Missionaria (AM) delle Ispettorie delle regioni Europa Centro e Nord e Mediterranea. Si tratta dell’ultimo raduno per i Delegati di PG e AM di queste due regioni prima del prossimo Capitolo Generale, che si aprirà, sempre a Valdocco, tra poco più di un anno.

Don Rossano Sala, segretario speciale del Sinodo dei vescovi su “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale” ha guidato la prima riflessione – Mettere ordine e cercare connessioni – sui nuclei tematici dell’Instrumentum Laboris e del Documento finale del Sinodo. Partendo da quindici nuclei tematici generativi del Sinodo, don Sala ha invitato tutti a una riflessione e rielaborazione dei punti che fosse personale.

Nella seconda giornata, invece, l’ispettore dell’Irlanda, don Eunan McDonnell ha presentato una relazione sull’accompagnamento spirituale e sul discernimento, partendo da quello che definisce  il “fondamento essenziale di qualunque chiamata vocazionale: Lasciatevi amare da Dio, di santa Elisabetta della Trinità.

La terza giornata si è aperta con la presentazione della II edizione del “Manuale del Volontariato Missionario Salesiano”, animata congiuntamente dai Dicasteri per la Pastorale Giovanile e per le Missioni. Il documento, che rinnova la prima edizione del 2008 alla luce della III edizione del “Quadro di Riferimento per la Pastorale Giovanile”, è stato recentemente approvato dal Consiglio Generale della Congregazione ed è il frutto di un cammino condiviso ascoltando il vissuto di tutte le Ispettorie nel corso di tre anni di preparazione.

 

 

La santità anche per te: un nuovo sito per realizzare il poster personalizzato

La santità anche per te: la strenna del Rettor Maggiore diventa personalizzabile con un nuovo strumento, nato su iniziativa del Dicastero per le Comunicazioni Sociali, grazie al lavoro dell’Agenzia iNfo Salesiana e della “IME Comunicazioni”: https://www.lasantitaancheperte.it/.

Il sito è una interfaccia che permette di realizzare una versione “personalizzata” del poster della Strenna 2019. Attraverso la registrazione sul sito, realizzabile anche utilizzando le credenziali di Facebook, ciascuno potrà caricare la propria foto sul sito e vederla poi inserita nello schermo di una smartphone e con l’hashtag #lasantitàancheperte sovrimpresso – allo stesso modo in cui figura il Poster della Strenna 2019.

Una volta caricata la foto sul sito, il “poster personalizzato” che verrà generato potrà essere scaricato sul proprio PC o dispositivo e condiviso immediatamente sulle reti sociali – in particolare, per Facebook, Twitter e WhatsApp è previsto un pulsante per la condivisione diretta.

Ciascun utente – che può essere anche un gruppo, un oratorio, una classe – potrà caricare una sola foto sul sito; ma tutti insieme si potrà andare a creare un caleidoscopio di immagini della santità quotidiana salesiana vissuta in tutto il mondo!

Come ha scritto il Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime, nella Strenna per il 2019: “Posso tranquillamente affermare che il più grande bisogno e la più grande urgenza che abbiamo oggi nel nostro mondo salesiano non è di fare più cose, di progettare e riprogettare nuove realtà…, bensì di mostrare ciò che le nostre vite comunicano personalmente e collettivamente, il nostro modo di vivere il Vangelo”.

Panama, l’effetto di Don Bosco sui giovani: il racconto da un “palco” speciale

La musica, i colori, la commozione, l’accoglienza: Andrea Papa, che con Angelo Jayakodi e don Pierluigi Lanotte della IME comunicazione, ha seguito il cammino della GMG per l’agenzia ANS a Panama racconta la sua esperienza nei dieci giorni vissuti in America centrale. “L’obiettivo era seguire il cammino della GMG dal punto di vista dei pellegrini salesiani. La base operativa era alla scuola salesiana di Panama City, dove si è svolta la festa mondiale dell’MGS”, racconta.

“Con Angelo abbiamo deciso di tenere il punto focale sui ragazzi, quello che accade sul palco è importate ma ci sentivamo più vicini a quanto succedeva ai giovani. Il “nostro palco” era dove stavano i pellegrini! Abbiamo raccolto tanto materiale, bello, colorato”: la musica, ovunque, i colori sono stati elementi importanti per Andrea. “Bellissimo vedere come vivono l’accoglienza, vedere la loro fede genuina, gioiosa e colorata: questa forse è la cosa più bella. Ho visto gente partecipare alle funzioni con trasporto, commozione: abbiamo cercato volti, colori e musica. Ecco, la musica era ovunque. Molti atteggiamenti visti, nel nostro Paese sembrerebbero eccessivi. Ma lì è tutto normale, veramente genuino e spontaneo”. Come la festa di Don Bosco, patrono della città. “La GMG si è svolta pochi giorni prima della festa di Don Bosco, alla quale abbiamo potuto partecipare: a Panama è festa nazionale. Sentendo anche le parole del Rettor Maggiore, ha detto che una festa così di Don Bosco non l’ha mai vista da nessun’altra parte del mondo. Fa impressione vedere 10, forse 20mila persone in processione dietro la statua di Don Bosco, gente che scendeva in strada. Alla fine della processione, c’era una vecchina, che forse nemmeno vedeva la testa della statua ma che camminava tenendo una statuina in mano. Il trasporto e la commozione nel vivere la fede mi hanno molto colpito”.

Poi, il Rettor Maggiore. Don Angel è stato accolto in modo straordinario: “L’accoglienza al Rettor Maggiore è stata straordinaria, lui poi non si sottraeva mai, salutava tutti. La cosa che mi ha colpito è che i giovani non gli chiedevano la foto e basta, ma volevano due minuti per parlargli, raccontargli qualcosa di loro. Don Bosco è il loro salvatore, lo vivono così. I bambini, anche molto piccoli, sanno benissimo chi è Don Bosco e cosa ha fatto per loro, la gente sperimenta ogni giorno l’effetto di Don Bosco su di loro. La basilica di Don Bosco si trova in una zona molto povera, dove le case sono baracche. Lì abbiamo incontrato una famiglia con sette bambini e quattro donne a governare tutti. Ci hanno accolto e ci hanno raccontato come Don Bosco li abbia salvati”.

Poi un aneddoto: “Durante la veglia finale, con Angelo volevamo intervistare i giovani dell’MGS, ma nella spianata non li trovavamo. A un certo punto ci viene incontro un gruppo di ragazzi che ci aveva riconosciuto: ci hanno portato in mezzo a loro, li abbiamo intervistati e siamo stati anche testimoni di una proposta di matrimonio!”.

 

Oratorio, su TV2000 il documentario in occasione della festa di Don Bosco

Un ponte fra la strada e la chiesa, l’oratorio è un luogo di aggregazione e formazione che accompagna i giovani nel proprio percorso di crescita. Tv2000, in occasione della festa di San Giovanni Bosco fondatore delle congregazioni dei Salesiani e delle Figlie di Maria Ausiliatrice, giovedì 31 gennaio alle 21.05 trasmette il docufilm ‘Qui è ora’. Un racconto corale, ambientato in cinque strutture parrocchiali della Lombardia, che delinea un tessuto sociale diverso dalle narrazioni che prevalgono sui media. Tra i protagonisti Don Mattia Bernasconi – Oratorio San Luigi Gonzaga (Milano); un gruppo adolescenti del Sicomoro – Oratorio San Siro (Lomazzo); Akon (un volontario del Senegal) – Oratorio San Faustino (Brescia); Suor Elisea – Oratorio San Giovanni (Brescia); Don Giuliano Borlini – Oratorio San Giovanni Bosco (Clusone). 

Salesiani per il futuro: la call to action per i giovani in vista del CG28

www.salesianiperilfuturo.it: è questo il sito realizzato dall’ufficio di Comunicazione sociale dei Salesiani in Italia in vista del Capitolo Generale della Congregazione (CG28) e sulla spinta del Sinodo dei Vescovi sui giovani. In questo sito i giovani delle Ispettorie salesiane potranno riempire un form, caricando un testo, un video o un’immagine, per dare un contributo prima  ai capitoli ispettoriali e poi a quello generale. 

Si tratta di una call to action per  chiedere ai  giovani di diventare protagonisti del CG28 e dei capitoli ispettoriali con i loro sogni, le loro aspettative, le loro esperienze.  I temi del Capitolo generale – priorità della missione per i giovani, il profilo del salesiano di oggi e la missione condivisa tra salesiani e laici – infatti potranno essere arricchiti con i loro contributi. 

In questa ottica, il sito  serve ad avviare percorsi di coinvolgimento dei giovani nella realizzazione dei propri Capitoli Ispettoriali. Si tratta di uno strumento online che ha la sua forza nella raccolta dei contributi che ogni ispettoria potrà utilizzare localmente e nella spiegazione ai giovani del Capitolo e del suo funzionamento con un video realizzato dall’ufficio di comunicazione sociale dell’Ispettoria Meridionale. 

 

Sinodo dei giovani: nel documento finale la strada alla santità passa dall’impegno nel mondo

Il documento finale della XV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei Vescovi è stato consegnato al Papa: tre parti, 12 capitoli, 167 paragrafi e 60 pagine. Al centro, l’episodio dei discepoli di Emmaus, come paradigma dell’ascolto declinato come accompagnamento, avvicinamento. La meta indicata ai giovani è la santità, alla quale arrivare attraverso l’impegno che sono chiamati a portare avanti nel mondo.

Nella messa finale, poi, Papa Francesco ha detto: “Vorrei dire ai giovani, a nome di tutti noi adulti: scusateci se spesso non vi abbiamo dato ascolto; se, anziché aprirvi il cuore, vi abbiamo riempito le orecchie. Come Chiesa di Gesù desideriamo metterci in vostro ascolto con amore, certi di due cose: che la vostra vita è preziosa per Dio, perché Dio è giovane e ama i giovani; e che la vostra vita è preziosa anche per noi, anzi necessaria per andare avanti”.

Leggi il testo del documento finale  qui

Leggi il testo completo dell’omelia del Papa qui

“Dobbiamo essere coraggiosi perché la Chiesa ci invita a essere lungimiranti”: il messaggio del Rettor Maggiore al congresso “Giovani e scelte di vita”

Domenica 23 settembre si è concluso il <strong>Congresso Internazionale GIOVANI E SCELTE DI VITA: PROSPETTIVE EDUCATIVE </strong>organizzato dall’UPS e dalla Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione Auxilium.  Oltre 400 i partecipanti, 94 i relatori che si sono alternati nei quattro giorni di Congresso, tanti gli ospiti che hanno voluto contribuire all’evento; tra questi ricordiamo <strong>Pietro Sebastiani</strong>, Ambasciatore italiano presso la Santa Sede, il <strong>Cardinale Lorenzo Baldisseri</strong>, Segretario Generale del Sinodo dei Vescovi e <strong>Monsignore Michele Falabretti</strong>, Direttore del Servizio di Pastorale Giovanile della CEI.

<strong>“Umanizziamo, evangelizziamo, educhiamo e siamo coraggiosi nelle sfide e nelle proposte perché la Chiesa ci invita oggi a essere lungimiranti sui giovani”</strong>. Con il rammarico di non poter essere fisicamente presente al congresso,  il saluto del Rettor Maggiore dei Salesiani <strong>don Àngel Fernández Artime</strong> giunge con un videomessaggio e ricorda la grande opportunità che il Sinodo è per gli educatori e gli evangelizzatori. Don Fernández Artime invita a non avere timore perché i giovani hanno bisogno di sentirsi dire “che cosa vuoi fare della tua vita? Quale pensi che sia il sogno di Dio su di te? Come pensi di vivere la vita come dono e come servizio?”.

“Le scelte che un giovane fa non sono un menù. Quando noi scegliamo, scegliamo la nostra libertà”. Le conclusioni di domenica 23 settembre  sono affidate al <strong>prof. Andrea Bozzolo della Facoltà di Teologia dell’Università Pontificia Salesiana di Torino</strong>. “La giovinezza non è solo età anagrafica, ma è una sfida antropologica e teologica dell’identità”. Il prof. Bozzolo si è soffermato sulle scelte irrevocabili che si giocano tra euforia e dubbio. “Ma come si fa ad impegnarsi per tuttala vita, a promettere?” Sono proprio le parole di Papa Francesco a venirci in aiuto: “Chiediti perché sei tu”, solo in questo modo la vocazione assume i tratti originali di una “grazia, una missione e saranno i nostri fratelli a farci scoprire cos’è la libertà”. Il prof. Bozzolo suggerisce di rinnovare il linguaggio con cui la Chiesa parla ai giovani per renderli protagonisti e di recuperare gli insegnamenti di Don Bosco e Madre Mazzarello che indicavano orizzonti immensi ai loro ragazzi anche nelle piccole scelte. “Spero che questo Sinodo possa far recuperare la bellezza della scelta e della libertà dei giovani”. <strong>La Preside della Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione Auxilium, sr. Pina Del Core</strong>, ha posto l’accento sulle sfide aperte dal Congresso. Dal punto di vista educativo la prof.ssa Del Core <strong>ha sottolineato la necessità di aiutare i giovani nei processi decisionali</strong>, nelle scelte vocazionali tra libertà e progetto personale. Le scelte e i processi decisionali costituiscono quindi “il nuovo campo di battaglia in cui si giocano i progetti professionali e vocazionali”. Inoltre il mondo digitale e le nuove tecnologie comunicative ci spingono a ripensare i grandi temi, come la libertà, l’educazione, la scelta; educare alla scelta ha a che fare inevitabilmente anche con “l’accoglienza del mistero che accompagna ogni decisione, perché essa implica sempre una rischiosa consegna di sé, un affidamento a qualcosa o a Qualcuno”. Dal punto di vista pastorale è importante curare la formazione degli educatori, dei formatori, tra cui anche i genitori “perché apprendano il discernimento come stile permanente di vivere e di educare”. Solamente con un autentico e fruttuoso dialogo tra scienze umane,scienze dell’educazione e scienze teologiche produrrà “una visione integrale dei percorsi di accompagnamento e di discernimento vocazionale”.I ringraziamenti finali sono affidati <strong>al Rettore Magnifico prof. don Mauro Mantovani</strong>. “Un grazie particolare va al Dicastero di Pastorale Giovanile dei Salesiani e all’Ambito per la Pastorale Giovanile delle Figlie di Maria Ausiliatrice, ai Consiglieri, a Madre Yvonne Reungoat, al Comitato scientifico e organizzativo del Congresso, ai presentatori, ai giovani traduttori appena laureati alla Università La Sapienza di Roma, agli sponsor e ai patrocini, ai benefattori, in particolare la Fondazione Malizia, alla Visitatoria Salesiana, ai ragazzi dell’Università per la copertura video fotografica Andrea Petralia, Jacopo Balliana, Lia Maria Palmieri, agli uffici di comunicazione dell’UPS e della Facoltà Auxilium, all’apparato tecnico di regia, ma soprattutto ai giovani volontari, studenti, ex allievi, salesiani cooperatori e amici delle nostre Istituzioni che hanno regalato tempo ed energie per la buona riuscita dell’evento”. Don Mauro Mantovani ha concluso che: “Siamo Chiesa, siamo famiglia, siamo per i giovani ed è proprio questa la nostra missione”. Sulle note della canzone «Don Bosco Padre Maestro e Amico» e con un immancabile selfie finale, firma distintiva della cultura di oggi, si è concluso il Congresso Internazionale.

Per leggere tutti i comunicati del Congresso, <a href=”https://www.giovaniesceltedivita.org/”>vai qui</a>

Le riflessioni di Don Fabio Attard sulla Pastorale Giovanile in vista del Capitolo Generale

Don Fabio Attard, Consigliere Generale per la Pastorale Giovanile della Congregazione Salesiana, ha esposto le sue riflessioni su temi e questioni emersi dagli incontri con il Rettor Maggiore e il Consiglio Generale sulla pastorale.

In vista del Capitolo Generale, Don Fabio ci dice che sono mesi di preparazione per la Pastorale Giovanile che vuole investire in un campo di azione più vasto che arriva a toccare il Sinodo dei Giovani e la formazione salesiana dei laici: “i laici condividono con noi la missione salesiana. Il loro è un grandissimo contributo”, spiega Don Fabio. Sul piano ispettoriale ritiene che ci sia bisogno di una cooperazione affinché si ottenga “un lavoro collaborativo tra tutti quelli che hanno una responsabilità pastorale: l’animazione missionaria, la comunicazione, l’animazione vocazionale”.

 

Per leggere la sua intervista clicca qui