Volontarie di Don Bosco, iniziata l’ottava Assemblea generale: “La missione odierna delle VDB”

Dall’ANS:

È iniziata il 18 luglio a Frascati (Roma) l’ottava Assemblea Generale dell’Istituto Secolare delle Volontarie di Don Bosco (VDB), che avrà come tema: “La missione odierna delle VDB”. Nell’ambito dell’Assemblea Generale sarà eletta una nuova moderatrice mondiale, che seguirà a Olga K, la quale termina il suo mandato dopo due nomine consecutive. Ad eleggere la nuova moderatrice saranno gli 84 membri con diritto di voto.

L’Istituto Secolare delle VDB conta quasi 1200 membri, che si trovano in 60 Paesi del mondo e che vivono la loro consacrazione a Dio attraverso i voti di obbedienza, povertà e castità nella vita quotidiana ordinaria. Non vivono in comunità, ma di solito si riuniscono come “gruppo” una o due volte al mese, per vivere insieme i giorni di raccoglimento e di formazione.

A volte non è facile, per gli altri gruppi della Famiglia Salesiana, comprendere la “consacrazione secolare” delle VDB. Attraverso le semplici parole della Moderatrice Mondiale uscente, Olga K, affidate al magazine trimestrale delle VDB “Crescere”, si può però capire un po’ di più di questo Istituto Secolare. “Voglio che il buon Dio faccia di me e di tutte le mie sorelle un tabernacolo vivente in questo mondo”, ha affermato.

Tutti noi possiamo aiutare le delegate dell’Assemblea Generale con le nostre preghiere. Durante il periodo di preparazione all’Assemblea, l’Istituto ha infatti proposto di supportarle recitando la seguente preghiera:

Dio Trinità Santissima, Padre, Figlio e Spirito Santo:
Il tuo nome è Amore. Con questo Amore infinito, entri nel cuore di ogni persona e nella storia umana.
Dio Trinità Santissima, Dio dell’Amore, benedici la nostra ottava Assemblea Generale.
Guida i nostri passi per scoprire modi nuovi e profondi per offrire al mondo la tua acqua,
l’unica che può placare la nostra sete.
Crediamo che ogni volta che apriamo il nostro cuore per scoprire il volto dei nostri fratelli e sorelle bisognosi,
riceviamo l’acqua fresca del tuo Amore, il coraggio e la gioia di annunciare la tua Parola, come la donna samaritana.
Te lo chiediamo: Rinnova in noi il desiderio del tuo Amore e la sete di te,
affinché possiamo accogliere l’acqua viva che ci offri.
Dacci la forza dello Spirito Santo per diventare acqua di amore per il mondo intero.
Amen.
Maria Ausiliatrice, prega per noi.
San Giovanni Bosco, prega per noi.
Beato Filippo Rinaldi, prega per noi.

Salesiane Oblate del Sacro Cuore, aperto il Capitolo Generale a Tivoli

Dall’ANS:

Il 6 luglio mons. Mauro Parmeggiani, vescovo di Tivoli-Palestrina, ha presieduto la celebrazione eucaristica di apertura del Capitolo Generale XI delle Salesiane Oblate del Sacro Cuore sul tema “Con Maria, vera oblata, scelte per essere sante e immacolate…inviate nel mondo per essere profezia di gioia, speranza, carità”. I lavori si protrarranno fino al prossimo 28 luglio e costituiscono un prezioso tempo di ricerca, sincera e gioiosa, di ciò che lo Spirito chiede oggi alle Salesiane Oblate del Sacro Cuore per rispondere con fedeltà creativa alla missione di far conoscere agli uomini di oggi l’amore e la salvezza di Gesù.

Beatificata Edvige Carboni, Salesiana Cooperatrice

Sabato 15 maggio è stata beatificata Edvige Carboni (1880-1952), mistica e Salesiana Cooperatrice di Pozzomaggiore. Si riporta l’articolo pubblicato dall’Agenzia d’Informazione Salesiana ANS il 17 giugno 2019.

(ANS – Pozzomaggiore) – Sabato 15 maggio 2019 a Pozzomaggiore, Sardegna, il cardinale Angelo Becciu, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, ha beatificato, a nome del Santo Padre, Edvige Carboni, una donna umile e forte, con una “vita intrisa di Dio”, che visse una vita di lavori manuali e di servizio, in famiglia e verso tanti bisognosi che incontrò, ma che fu eletta in modo misterioso e ricolmata di grazie e doni soprannaturali straordinari.

Nata a Pozzomaggiore il 3 maggio del 1880, desiderava farsi religiosa, ma dovette restare accanto alla madre, molto malata. Da allora trascorse la sua vita domestica in maniera sobria e raccolta, alternando le faccende di casa ai momenti di preghiera. Il 14 luglio 1911 le si manifestarono sul corpo i segni della Passione di Gesù. Questo e altri fenomeni mistici che le venivano attribuiti furono indagati nel processo canonico del 1925, cui lei si sottopose in completa obbedienza. Si trasferì quindi a Roma col resto della famiglia, proprio negli anni in cui stava per esplodere la seconda guerra mondiale.

Da quando prese domicilio a Roma, fino alla morte (1938-1952), Edvige appartenne alla parrocchia dei salesiani “Santa Maria Ausiliatrice” su via Tuscolana. Lì si recava quasi ogni mattina per la Messa e Comunione; lì si raccoglieva in preghiera, solitamente nella cappella di sant’Anna; lì avvennero gran parte delle estasi e fatti prodigiosi. Il 25 Settembre 1941, inoltre, divenne Salesiana Cooperatrice.

Devotissima della Madonna, che le apparve più volte, ottenne da Lei numerose grazie. Tanti i Santi di cui ebbe apparizioni, in modo particolare san Giovanni Bosco e san Domenico Savio. Nel suo diario si segnalano ben 20 apparizioni di Don Bosco, spesso insieme a Maria Ausiliatrice o a Domenico Savio. In tali apparizioni Don Bosco le dava suggerimenti intorno alle virtù, la invitava alle devozioni alla Madonna, la incoraggiava nelle difficoltà, le chiedeva preghiere e sacrifici per la pace nel mondo, le mostrava il gran bene che facevano i Salesiani, di molti dei quali elogiava la santità, e la invitava a pregare e ad amare le suore salesiane.

Come ha detto il cardinale Becciu nell’omelia del rito di beatificazione:

“Umile e forte, generosa e paziente, laboriosa e fiera, la Beata Edvige incarna le più belle virtù della donna sarda dell’epoca. Eppure dal suo vissuto umano e cristiano, emergono dati che rendono più che mai attuale la sua testimonianza: Edvige è un valido riferimento per le donne di oggi, di ogni età e di ogni estrazione sociale. La sua semplice e profonda esperienza spirituale, contrassegnata da carità senza limiti, umiltà smisurata e preghiera incessante, è un modello ancora attuale, perché dimostra che anche in una vita semplice e ordinaria è possibile sperimentare una solida comunione con Dio e un apostolato caratterizzato dalla passione per l’umanità ferita e disagiata”.

Salesiani Cooperatori Campania-Basilicata: Accompagnare le famiglie alla luce dell’Amoris Laetitia

In ambito Salesiano sempre più frequentemente si avverte l’esigenza di affiancare la cura delle famiglie alla pastorale giovanile. L’attività educativa verso i giovani, non può infatti tralasciare un’attenzione verso la famiglia, che rappresenta la prima scuola di amore e crescita di ciascun individuo, né può trascurare l’ambiente in cui essi vivono. Con tali presupposti, il Consiglio Provinciale della Campania – Basilicata, ha voluto organizzare, presso l’Istituto Salesiano di Caserta, un corso di formazione per animatori di pastorale familiare. Iniziato nel mese di novembre 2018, esso è stato articolato in quattro incontri di cui l’ultimo, si è tenuto il 12 maggio 2019. Relatori sono stati Loredana Simeone e Ruggiero Diella, Salesiani Cooperatori e coppia referente della pastorale familiare per la Regione Italia, Malta e Medio Oriente.

Ispirandosi agli insegnamenti dell’esortazione apostolica “Amoris Laetitia” i coniugi hanno voluto attribuire all’evento un taglio dinamico ed interattivo. Alla parte teorica è seguita una pratica, il tutto arricchito dalla proiezione di numerose immagini e di video molto interessanti. Al corso, considerato un vero e proprio Laboratorio di Pastorale Familiare, hanno preso parte coppie desiderose di mettersi in gioco nel delicato servizio di accompagnamento alle famiglie, provenienti da Recale, Centurano, Caserta, Torre Annunziata e Gragnano, centri della stessa provincia.
Estremamente positivi sono stati i giudizi dei partecipanti, che hanno espresso piena soddisfazione per come sono stati trattati gli argomenti e per come è stato strutturato il corso che ha fornito loro, tutti gli strumenti necessari per poter iniziare un percorso formativo.

A Loredana e Ruggiero, che in maniera infaticabile svolgono in pieno spirito di servizio la loro opera, desideriamo esprimere, anche a nome del Consiglio Provinciale, tutta la nostra gratitudine per il brillante lavoro svolto e per avere condiviso la loro esperienza e competenza. Ai partecipanti invece va il nostro augurio di poter essere dei veri missionari, in questa società che sovente predilige l’individualismo, testimoniando il valore e l’importanza della famiglia che, nonostante le tante difficoltà, rimane sempre l’espressione più alta a cui un cristiano laico può ispirarsi.
Possano ancora, come ci invita a fare Papa Francesco nell’esortazione apostolica “Christus Vivit”, testimoniare che c’è una bellezza nel lavoratore che torna a casa sporco e in disordine, ma con la gioia di aver guadagnato il pane per i suoi figli e che c’è una bellezza straordinaria nella comunione della famiglia riunita intorno alla tavola e nel pane condiviso con generosità, anche se la mensa è molto povera.
Da parte nostra viva è la speranza che un domani, ci sarà la bellezza nel vedere solo ed esclusivamente famiglie solide, in cui i giovani possano trovare ed avere sempre come guida, i loro genitori.

Mauro e Federica, referenti di Pastorale Familiare per il Consiglio Provinciale Salesiani Cooperatori Campania – Basilicata

Vaticano, Papa Francesco nomina suor Alessandra Smerilli Consigliere di Stato

Papa Francesco ha nominato suor Alessandra Smerilli Consigliere di Stato della Città del Vaticano, il 17 aprile, per i prossimi cinque anni. Insieme con la professoressa Smerilli – Docente ordinario di Economia Politica alla Facoltà «Auxilium» di Roma – è stato nominato anche l’avvocato Antonio Rizzi, professore ordinario di Diritto privato presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” a Roma. Il ruolo di Consigliere di Stato è quello di prestare assistenza nell’elaborazione delle Leggi Vaticane e in altre materie di particolare importanza: la Pontificia commissione per lo Stato della Città del Vaticano, composta da un Consigliere generale e da cinque Consiglieri di Stato, è l’organismo che esercita il potere legislativo nello Stato della Città del Vaticano.

Suor Alessandra che, oltre alla docenza nella Facoltà «Auxilium», ha incarichi di insegnamento in altre istituzioni universitarie, è membro del Comitato scientifico ed organizzativo delle Settimane Sociali dei Cattolici, promosso dalla Conferenza Episcopale Italiana, ed è tra gli esperti del Consiglio nazionale del Terzo settore, organismo istituito presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

La Congregazione delle Figlie di Maria Ausiliatrice – si legge sul sito delle FMA – si rallegra per questa nuova nomina e ringrazia Papa Francesco per la fiducia che dona alle Figlie di Maria Ausiliatrice attraverso la scelta di uno dei suoi membri.

 

150° di fondazione dell’ADMA, il messaggio del Rettor Maggiore: “Maria modello di fede per tutti”

In occasione del 150° di fondazione dell’Associazione di Maria Ausiliatrice (ADMA), Don Ángel Fernández Artime, Rettor Maggiore, ha rivolto un saluto e un messaggio ai soci dell’ADMA e a tutti i membri della Famiglia Salesiana, ricordando il valore dell’Eucaristia e dell’affidamento all’Ausiliatrice nella spiritualità salesiana.

Significativamente il Rettor Maggiore invia questa messaggio dalla Basilica del Sacro Cuore a Roma, davanti all’altare dell’Ausiliatrice, ricordando come in quel luogo Don Bosco ricevette la conferma della sua missione compiuta sotto la guida e la protezione di Maria.

Infine annuncia la pubblicazione di una lettera in occasione di tale anniversario e insieme ricorda la celebrazione dell’VIII Congresso Internazionale di Maria Ausiliatrice, che si terrà a Buenos Aires, Argentina, dal 17 al 10 novembre di quest’anno.

Exallievi/e di Don Bosco, convocato il consiglio nazionale

Il Consiglio nazionale della Federazione italiana degli Exallievi/e di Don Bosco, secondo il calendario concordato, è convocato in unica seduta per le ore 10 di sabato 11 maggio 2019 presso il Resort Tui Sensimar di Tropea, località Baia dei Riaci in Santa Domenica di Ricadi (VV), per deliberare e discutere sul seguente ordine del giorno, preceduto da un momento di preghiera comune e di formazione spirituale guidati dal Delegato nazionale:
1. Relazione della Presidenza
2. Rendiconto economico finanziario 2018
3. Verifica di iniziative e progetti in corso e decisioni conseguenti
4. Programmazione di iniziative ed eventi
5. Anno 100° della rivista “Voci Fraterne”
6. Comunicazioni dalle singole Federazioni ispettoriali
7. Redazione calendario eventi e incontri
8. Fissazione quota sociale anno 2019
9. Illustrazione preventivo 2019
10. Varie ed eventuali

 

Il direttore di “Voci Fraterne” fa scuola di giornalismo ai bambini: “La conoscenza è potere”

Valerio Martorana, direttore da oltre 6 anni di “Voci Fraterne”, rivista ufficiale della Federazione Italiana Exallievi ed Exallieve di Don Bosco, ha tenuto una lezione di giornalismo per i bambini delle classi quinte dell’istituto comprensivo di Mazzarino, in provincia di Caltanissetta.
La lezione ha avuto come obiettivo quello di fornire ai ragazzi le conoscenze di base sul mondo della stampa, in chiave salesiana. “Bisogna avere passione per la narrazione dei fatti, curiosità e amare la lettura: la conoscenza è potere – ha affermato Martorana – e ciò deve indurre ad essere preparati, a saper radiografare tutto ciò che succede nel vostro territorio, per essere capaci di ragionare, riflettere e non subire solamente ed in maniera inerme tutto ciò che la scena offre”.

Salesiani Cooperatori Emilia Romagna e San Marino: “L’appartenenza all’associazione è opportunità di santità”

Domenica 24 marzo si è svolta a Forlì la Giornata del Salesiano Cooperatore dell’Emilia Romagna San Marino, sul tema dell’anno “La santità anche per te”. Il motivo per cui queste giornate sono momenti irrinunciabili nella vita di ogni provincia l’ha spiegato molto bene il Coordinatore Mondiale Antonio Boccia nel suo intervento: “Nell’associazione siamo con-vocati a seguire Cristo vivendo da laici lo spirito salesiano, il servizio per il bene dei giovani passa anche attraverso il nostro camminare insieme come famiglia. Lo stare nell’associazione diventa essere e matura nella corresponsabilità. In questo dinamismo – conclude Boccia – l’appartenenza è un’opportunità alla santità“.

In questa chiave, i vari momenti della giornata sono istanti da vivere e assaporare, con amore: la preghiera preparata con cura da un centro, la fantasia del pranzo condiviso, lo scambio affettuoso delle notizie di casa, la Celebrazione Eucaristica nel cuore della giornata, la voglia di rimanere a fare qualche chiacchiera in ogni momento disponibile.  È in questi momenti che risulta evidente la diversità che è ricchezza quando condivisa… l’entusiasmo nelle parole di chi ha fatto la promessa due mesi fa, il desiderio di imbarcarsi dei più giovani e quello di non tirare i remi in barca dei meno giovani, la gratitudine per la fedeltà e il mettersi in gioco dando fiducia al nuovo.

Uno dei momenti più emozionanti della giornata è stato senza dubbio il collegamento con i salesiani cooperatori di Aleppo, grazie a un cooperatore di quel centro che da anni appartiene alla nostra provincia. Raccontano una normalità che non ci possiamo aspettare dalle notizie dei media e la voglia tenace di ricostruire una vita nuova, come suggerisce anche un bel gruppo di aspiranti. Quello che colpisce è la loro testimonianza nel sentirsi raggiunti da benedizioni speciali, anche perché la casa salesiana non ha subito danni, e la vicinanza nella preghiera reciproca di tanti fratelli, in particolare del Sud Sudan, popolazione martoriata anch’essa dalla guerra. Colgono l’occasione di invitare ad andare a trovarli, invito rivolto personalmente anche al coordinatore mondiale, che rilancia a settembre, quando in Libano ci sarà il primo congresso del Medio-oriente.

Così questa giornata rilancia ognuno di noi, quando si torna nei propri centri e nelle proprie realtà, con un po’ di consapevolezza in più, forse qualche domanda, e la percezione di non essere da soli, perché ci si conosce un po’ meglio dopo esserci ritrovati. Quando i più giovani sono contenti di esserci stati e qualcuno saluta dicendo “dovremmo vederci più spesso!” significa che, nonostante gli imprevisti e i margini di miglioramento, è stata davvero una semplicemente preziosa domenica passata in famiglia.

Margherita Pietrogrande, segretaria Associazione Salesiani Cooperatori Regione Italia, Medioriente e Malta

I Salesiani Cooperatori raccolgono la sfida del Sinodo: i giovani al centro per i prossimi sei anni

Nei giorni dal 13 al 17 marzo si è svolto a Roma il Consiglio Mondiale dei Salesiani Cooperatori: Antonio Boccia, coordinatore mondiale dell’Associazione racconta:

“Le giornate di lavoro suddivise in momenti di formazione, verifica e programmazione, hanno visto i 12 Consiglieri Mondiali, in rappresentante delle 11 Regioni che raggruppano le 102 nazioni in cui sono presenti i Salesiani Cooperatori, definire le Linee di Impegno per il prossimo sessennio 2018-2024. Il Consiglio, con l’ausilio della SEM (Segreteria Esecutiva Mondiale), ha redatto un documento ufficiale partendo da quanto era stato approvato dal V Congresso Mondiale celebrato lo scorso ottobre 2018. Il lavoro del Consiglio è stato molto meticoloso ed attento sui temi: Comunione nella Diversità, Missione condivisa, Autonomia solidale e Formazione, avendo come sfondo il documento finale del Sinodo sui Giovani.

Durante le giornate di lavoro c’è stata la visita del Rettor Maggior che, oltre ad un affettuoso saluto, ha dato diversi spunti che sono stati recepiti dal Consiglio per la Linee di Impegno. Ai Consiglieri, provenienti da diverse parti del mondo, è stata data la possibilità di visitare la Comunità di San Tarcisio, dove si trova il complesso Catacombale di San Callisto, e le “Camerette di Don Bosco” presso il Sacro Cuore.

I giorni trascorsi insieme e la condivisione dell’Eucarestia quotidiana hanno consolidato maggiormente il già bel rapporto di familiarità che caratterizza questo Consiglio Mondiale. Ora tocca ai Salesiani Cooperatori rimboccarsi le maniche e dare nuovo slancio all’Associazione raccogliendo le sfide che i tempi di oggi hanno lanciato al mondo giovanile